Berlusconi: “Indegno avere una Rai così”

15/11/2010 di Simone Morano

Stasera la seconda puntata di Vieni via con me

La dichiarazione di Silvio Berlusconi è netta:

E’ indegno avere una tv pubblica così. La maggioranza degli italiani è con noi e non si lascia turlupinare dai programmi tv offensivi che paghiamo tutti noi.

Nessun riferimento diretto (ma la mira è evidente) a Vieni via con me, la trasmissione di Raitre a cui, peraltro, lo stesso conduttore Fabio Fazio lo ha invitato a partecipare:

Se vuole venire anche il presidente del Consiglio, è il benvenuto, penseremo a un elenco anche per lui.

Nel frattempo gli autori del programma ribadiscono che

Vieni via con me non è un talk show e non è una tribuna politica, ma un inventario di parole, di valori, di sentimenti e di volti italiani. Gli elenchi che Pier Luigi Bersani e Gianfranco Fini leggeranno stasera dureranno circa tre minuti ciascuno.

Tra i temi della serata, anche la vicenda di Eluana Englaro, con la presenza del padre Beppino, e la storia di Piergiorgio Welby, con la presenza della moglie Mina. Insomma, aspettiamoci polemiche anche dal mondo cattolico. Momento chiave della puntata sarà anche il monologo di Roberto Saviano sulla presenza della ‘ndrangheta nel Nord Italia.

Nel frattempo le dichiarazioni di Berlusconi suscitano le reazioni dell’opposizione, con Vincenzo Vita che sottolinea:

E’ noto che l’occupazione del servizio pubblico da parte del governo è stata pesantissima, e il fatto che esistano oasi non omologate probabilmente disturba il presidente del Consiglio. Questo urlo finale, che fa parte del crepuscolo, è insieme grave e ridicolo.

Ma qui la televisione c’entra poco.

COMMENTI