Beatrice Valli in ospedale, parto vicino: “Non sto bene”, Marco Fantini agitato – VIDEO

24/04/2020 di Emanuela Longo

Per Beatrice Valli si avvicina sempre di più il fatidico momento del parto, ma le ultime ore per l’ex di Uomini e Donne e per il compagno Marco Fantini ci sono stati momenti di forte agitazione e qualche comprensibile preoccupazione, al punto da far andare la Valli in ospedale per un necessario controllo. La piccola Azzurra, intanto, fa attendere i suoi genitori e, soprattutto papà Marco non trattiene l’ansia (video in apertura).

Beatrice Valli in ospedale: parto di Azzurra sempre più vicino

Beatrice Valli e Marco Fantini

Beatrice Valli si è recata in ospedale nella giornata di venerdì credendo di essere arrivato il momento di dare alla luce la sua bambina, ma si è trattato solo di un falso allarme. L’influencer sta per diventare mamma per la terza volta ma negli ultimi giorni la stanchezza ha preso il sopravvento, come raccontato ai suoi follower attraverso le Instagram Stories.

Per scongiurare ulteriori preoccupazioni, la Valli ha deciso di recarsi in ospedale, accompagnata dal suo Marco.

Piccolo controllo, oggi non sto per niente bene e ho preferito farmi visitare… Non manca tanto ma ora torno a casa. Tornerò presto mi sa.

Così Beatrice Valli ha scritto in una sua Storia postando la foto dall’ospedale durante un tracciato. Il compagno Marco Fantini ha spiegato qualcosa in più attraverso il suo account Instagram, dal quale è trapelata tutta la sua comprensibile preoccupazione ed agitazione:

Pensavamo fosse arrivata l’ora di vedere Azzurra, ma ci ha fatto uno scherzetto. Non potete capire l’ansia, ma una bella notizia me l’hanno data. Potrò entrare durante il parto, sono super felice. Adesso la Bea mi ha scritto, mi ha detto che la rilasciano perché non è ancora l’ora. Ma Azzurrina ha tanta voglia di uscire, quindi manca mi sa qualche giorno per vederla. Non vedo l’ora!

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI