Barbara d’Urso: “La mia testa è gay, il mio corpo etero. Attenzione, condurrò Sanremo!”

24/10/2017 di Emanuela Longo

Con l’inizio della nuova stagione tv, Barbara d’Urso si è riconfermata essere a tutti gli effetti la regina dei pomeriggi e delle domeniche di Canale 5. I suoi programmi, Pomeriggio 5 e Domenica Live, continuano a collezionare numeri a due cifre, mai sotto il 20% di share con picchi del 25%. “Il mio pubblico mi segue come Carmelitissima, siamo in simbiosi. La tv della d’Urso è la vita che la d’Urso vive”, dice, in una intervista al quotidiano La Stampa. E sarà proprio questo il segreto del suo immenso successo. “Io sono questa e faccio questa televisione. Vado di pancia entro in empatia con il pubblico. Perciò sono molto amata o detestata”, aggiunge.

Barbara d’Urso: le critiche, il lavoro, le sue battaglie e la vita privata

Ed a proposito della gente che la detesta (anche sui social, ci sarebbe da aggiungere), Barbara d’Urso ha avanzato il loro identikit: “Quelli che odiano chi ha successo e chi ha successo nel lavoro”. In tanti hanno definito trash le trasmissioni della d’Urso o tanti momenti di messa in onda, ma di fronte a tale termine, lei, cosa dice? “Io penso che il pubblico abbia voglia di leggerezza e perciò premia questo tipo d’intrattenimento”.

Toccato anche il tema della tv del dolore: “Quando affrontiamo un argomento di cronaca lo trattiamo sempre con il massimo del rispetto, per il pubblico, per le persone coinvolte, attenti alle regole previste dai vari codici”, dice Carmelita in riferimento ai suoi di programmi. “Poi, certo, se estrapoli un pezzo di una frase, come mi hanno fatto, la togli dal contesto e mi accusi di omofobia, allora fai una operazione truffaldina. Fortunatamente il pubblico, che capisce tutto, non ci ha mai creduto”, aggiunge.

In tanti continuano a criticarla anche per le sue interviste ai politici: “Domenica Live ha uno spazio per i dibattiti politici che fa il doppio degli ascolti di una qualsiasi prima serata politica. Ho il mio modo di fare domande scomode, con il sorriso. Nessuno dice però che ho contribuito all’approvazione della legge sui diritti civili, che mi faccio portatrice di messaggi importanti”, commenta. Proprio lei si è sempre schierata in difesa dei diritti di gay e lesbiche. “La mia testa è omosessuale, il mio corpo è completamente etero, provo attrazione, e tanta, solo per gli uomini”, ironizza.

La sua vita è pienissima, sveglia tutti i giorni alle 6:30, poi subito al lavoro fino alle 20:00, tranne il sabato che ha le prove fino a mezzanotte. Per la vita privata, dunque, c’è spazio solo dalle 20:30 all’alba, racconta l’infaticabile conduttrice. Ed a proposito di privato, dice: “Io metto paura agli uomini. Hanno paura di competere con il successo, pensano che sia una donna di potere e il potere spaventa l’uomo se è una donna ad averlo. Invece conquistare Carmelita è facilissimo, mi si compra con un pupazzo, una canzone dedicata. La verità è anche che a me non piace mai nessuno. Vorrei che qualcuno mi imbrigliasse”.

Dunque è difficile per lei trovare anche l’uomo ideale, anche se ne ha già due, i suoi figli: “Uno è un chirurgo che fa trapianti di fegato, l’altro un fotografo e regista. Come mamma ho cercato di dare il massimo, ho cresciuto due figli, maschi, da sola. Ora sono due adulti per bene, educati, autosufficienti e bellissimi, andranno a ruba. Sono la mia vita. Grazie a questa risposta mi chiameranno per protestare, sono riservatissimi e non vogliono che parli di loro”. Ora però pensa al futuro e da grande dice: “Condurrò Sanremo, state attenti”.

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI