Avanti un altro!, stasera l’ultima puntata del preserale di Bonolis: ecco i segreti del successo

10/03/2013 di Emanuela Longo

Nel preserale di Canale 5, chiuderà i battenti stasera la fortunata stagione di Avanti un altro!, il quiz a premi condotto da Paolo Bonolis e che quest’anno è stato premiato con un prolungamento di due mesi rispetto alla data finale fissata in precedenza; da domani, a partire dalle ore 18:50, infatti, andrà in onda sulla medesima rete la prima puntata della nuova edizione di The Money Drop, il game show condotto da Gerry Scotti. Bonolis, intanto, si prepara a condurre il prossimo mese, in prima serata, la nuova trasmissione Stasera mi tuffo, di cui ve ne avevamo già parlato all’interno di questo articolo.

Tornando ad Avanti un altro, con ogni probabilità lo rivedremo nel preserale della rete ammiraglia di casa Mediaset dal prossimo autunno. Ma cosa ha avuto di così speciale tanto da conquistare letteralmente il pubblico da casa che ha continuato a premiarlo in termini di ascolto, portando così l’azienda Mediaset a prolungare la messa in onda delle puntate? Sicuramente la presenza al timone di un vero mattatore qual è Paolo Bonolis, ma anche della formula stessa del programma, del tutto inedita che ha visto andare in scena fino all’ultima puntata il così detto “Minimondo”, una stramba popolazione che sembra essere giunta da una realtà parallela.

Tutti i personaggi di questo folle mondo, in realtà sono quasi tutti dei bravissimi attori, tra loro, ricordiamo il più particolare, “l’alieno”, un uomo minuto e dalla voce stridula che prende il nome di Leonardo Tricarico, un falegname pugliese scoperto proprio da Bonolis nel corso di Ciao Darwin, come ha dichiarato lo stesso sulle pagine di Visto: “Ho partecipato al programma nella squadra dei lussuriosi e poi mi ha richiamato per lavorare in questo programma. La mia vita ora è cambiata. Per la gente sono ormai un personaggio”.

Il programma, ricordiamolo, ha raccolto una media di circa 5 milioni di spettatori con picchi di oltre 6 milioni ed il 25% di share e, per riassumere, possiamo certamente affermare che la vera fortuna di questo format totalmente made in Italy, è rappresentata proprio dalle menti che lo hanno realizzato, ovvero quelle dello stesso Paolo Bonolis, e Stefano Santucci, e scritto da Sergio Rubino, Marco Salvati, Simona Forlini, Stefano Jungers, Cristian Monaco e Lamberto Ciabatti. Uno degli autori storici di Bonolis, Rubino, ha asserito in un’intervista al settimanale Visto: “Tutto quello che facciamo con Paolo rispecchia quello che siamo. Quindi, nella costruzione di Avanti un altro abbiamo semplicemente assecondato la nostra visione dell’esistente: disincantata, ironica, paradossale”.

Ha poi aggiunto: “Fondamentale per avere questi risultati, è l’assoluta empatia che si respira in questo gruppo di lavoro”. Ad aggiungere qualche particolare che contribuisce a comprendere maggiormente il successo raggiunto dalla trasmissione, è stato, sulle pagine del medesimo settimanale, Marco Salvati, che ha dichiarato: “La particolarità di questo programma è che ogni volta che lo si guarda, ma lo stesso vale anche per noi che lo viviamo da dentro, sembra di vedere un programma nuovo. Quando inizia la puntata non sappiamo mai quello che accadrà. E siamo noi i primi a divertirci”.

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI