Avanti un altro, stagione eccellente: il commento di Gerry Scotti e Paolo Bonolis

22/04/2015 di Emanuela Longo

Quando parliamo di Gerry Scotti e Paolo Bonolis ci troviamo di fronte a due veri protagonisti del piccolo scherno nostrano nonché del quiz show per eccellenza. Cosa succede allora se vengono inseriti entrambi, in coppia, all’interno di un programma che in casa Mediaset fa registrare numeri strabilianti oltre che risate e puro intrattenimento? Lo hanno sperimentato loro in prima persona ma anche il vasto pubblico di Avanti un altro e proprio i due conduttori ne hanno commentato il bilancio finale sulle pagine del settimanale Tv, Sorrisi e Canzoni. Ecco quali sono state le loro dichiarazioni ed i progetti futuri.

Gerry Scotti e Paolo Bonolis commentano il successo di Avanti un altro

Entrambi si sono dichiarati divertiti all’idea di ritrovarsi in coppia alla conduzione di Avanti un altro, la trasmissione di Canale 5 dell’access prime time. Ma qual è il motivo di tale successo? Bonolis ha tentato di spiegarlo sulle pagine del settimanale Tv, Sorrisi e Canzoni: “Aggiungiamo a un prodotto televisivo già ricco di spezie un doppio binario nella conduzione, che mostra il mondo surreale di Avanti un altro in due modi differenti”. Anche Gerry Scotti ha detto la sua asserendo: “Quello che paga è la non omogeneità tra di noi”.

Il loro segreto è dunque rappresentato proprio dalla diversità ed in merito a questo aspetto, Bonolis ha sottolineato le caratteristiche salienti del collega: “Gerry è un conduttore più ortodosso di me, ha un carattere diverso dal mio, un’altra fisicità, una cultura differente. Lui è del Nord, io sono del centro Italia”. In merito al loro futuro professionale, tuttavia, non ci sarebbero in serbo altre collaborazioni, almeno per il momento.

Ecco infine qual è il bilancio finale di questa stagione di Avanti un altro secondo i due conduttori. Bonolis: “Eccellente. Sul pubblico del così detto ‘target commerciale’ abbiamo avuto risultati straordinari. Risultati che Gerry ha saputo mantenere, pur con una gestione diversa. D’altronde ci siamo affidati a un grande professionista”. Scotti: “Bilancio ottimo. Il format di Paolo è una macchina talmente oliata e precisa che la posso guidare bene anche io. Ma penso che la guiderebbe bene anche Carlo Conti, Flavio Insinna o Fabrizio Frizzi. Ognuno a suo modo, s’intende. Basta entrare in questo mondo dove succedono cose strane e vivere l’avventura alla propria maniera”.

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI