Articolotre chiude i battenti; Maria Luisa Busi: “Colpa di una contro-programmazione feroce”

10/11/2010 di Emanuela Longo

Articolotre, la trasmissione condotta sulla terza rete Rai da Maria Luisa Busi, ha chiuso i battenti.

Nonostante tutti i buoni propositi del programma della prima serata del venerdì, basato proprio sui principi dell’articolo 3 della nostra Costituzione, che sancisce l’uguaglianza di tutti i cittadini di fronte alla legge senza distinzione alcuna, gli stessi cittadini pare non l’abbiano premiata almeno in termini di ascolti.

La televisione è così. Credevo e continuo a credere in un servizio pubblico che si occupi dei diritti dei cittadini e dei consumatori. Considero Maria Luisa Busi una delle migliori risorse professionali della Rai e la ringrazio di aver condiviso con generosità questo progetto di Raitre,

commenta Paolo Ruffini, direttore di RaiTre.

Sicuramente, la stessa giornalista che lo scorso maggio aveva lasciato la conduzione del Tg1 delle 20, non si può dire certo di aver avuto vita facile sulla terza rete, una rete “sotto assedio costante”, come afferma la stessa Busi, che attribuisce la colpa degli scarsi ascolti ad una “contro-programmazione feroce”.

Di comune accordo con il direttore Ruffini rinuncio a malincuore a un programma di vero servizio pubblico,

afferma la giornalista e conduttrice, che di una cosa è certa: non smetterà di raccontare l’Italia nella sua nuda e cruda verità.

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI