Antonella Clerici: “Milano è più efficiente e internazionale di Roma. E alla Rai mi prendono in giro per come parlo…”

25/10/2010 di Simone Morano

Antonella Clerici

Interessante e divertente intervista di Antonella Clerici al Giorno. A Giulia Bonezzi, la conduttrice de La prova del cuoco e di Ti lascio una canzone ha raccontato il suo rapporto con Milano, svelando curiosità e retroscena del suo passato.

Io sono una che esce anche con la tuta e le scarpe da tennis, e in certi alberghi (o in certe vie) a Milano ti guardano un po’ strano. E’ una cosa che non mi entusiasma di Milano, questo essere un po’ troppo città della moda. Invece, ne adoro il rigore, il freddo. Mi manca guidare nella nebbia, imbacuccarsi con cappotto, sciarpa e cappello, rifugiarsi di corsa in casa per il freddo.

Antonella poi propone un parallelo con Roma, dove sta attualmente.

Milano è indubbiamente più efficiente e più internazionale rispetto a Roma. Di diverso hanno lo spirito: io sono una molto organizzata, tanto che qui mi prendono in giro. Arrivo sempre in orario, se non in anticipo. In mensa alla Rai, poi, mi prendono in giro anche per il cibo. Mi dicono: “Vuoi la milanese?”. Io me ne infischio, anzi continuo a parlare milanese. “Sono andata dal prestinaio, mi sono scarligata via”. Tutti mi guardano, ma è la mia lingua e ne sono fiera.

Infine, uno sguardo al passato e uno al futuro.

Tutta la mia famiglia è nordica: mia sorella ha uno studio di psicoterapia a Gorgonzola, mio papà a Legnano aveva un colorificio, conoscevo tutto il paese. Tra Milano e Legnano ho la famiglia, gli amici. Fino agli anni Novanta tutta la mia vita era qui. E se tornassi al Nord non mi dispiacerebbe vivere nell’hinterland.

COMMENTI