Perché Andrea Zenga, Rosalinda e l’intera famiglia non erano al matrimonio di Nicolò? Lo sposo interviene

21/11/2021 di Emanuela Longo

Nicolò Zenga con la moglie e Andrea Zenga con Rosalinda Cannavò

La notizia del matrimonio tra Nicolò Zenga e Marina Crialesi è passata in secondo piano rispetto all’assenza del fratello Andrea, della fidanzata di quest’ultimo Rosalinda Cannavò e dell’intera famiglia dello sposo, a quanto pare non presenti tra gli invitati. Come mai? L’interrogativo impazza da ore sui social ma in realtà una risposta è arrivata da uno dei diretti interessati.

Nicolò Zenga si è sposato: Andrea con Rosalinda e l’intera famiglia assenti

Il matrimonio di Nicolò Zenga si è svolto presso la chiesa di Santa Maria in Tempulo di Roma. Appena le foto sono approdate sui social in tanti hanno notato l’assenza del fratello Andrea e della compagna, ma anche dell’intera famiglia, innescando i primi dubbi e pettegolezzi.

Nello stesso momento in cui Nicolò e la compagna Marina convolavano a nozze, infatti, Andrea e Rosalinda erano al cinema. Assenti anche la mamma dello sposo, Roberta Termali ed il padre Walter Zenga. A destare maggiori dubbi il fatto che Andrea sarebbe dovuto essere uno dei testimoni di nozze

La spiegazione è arrivata poco fa sempre a mezzo social da parte dello sposo che ha rotto il silenzio e messo a tacere i pettegolezzi, precisando:

Ebbene si… ci siamo sposati Abbiamo voluto fare una cerimonia intima in comune. Una cosa che fosse solo nostra e condivisa solo con testimoni e damigelle prima di fare il “grande evento” in chiesa. Purtroppo la famiglia di Marina non poteva essere presente e per questo motivo abbiamo deciso di tenere questo momento solo per noi.

Il tutto con l’appoggio ed il supporto di entrambe le nostre famiglie che anche a distanza hanno saputo restarci vicini. Grazie a tutti per i messaggi d’amore che abbiamo ricevuto…. perché oggi conta solo questo. L’amore.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI