Andrea Zelletta svela perché Natalia Paragoni ha diffidato il Grande Fratello Vip

18/03/2021 di Valentina Gambino

Andrea Zelletta e Natalia Paragoni

Dopo avere lanciato frecciatine a Giulia Salemi e Dayane Mello, Andrea Zelletta intervistato da SuperGuidaTV ha parlato della fidanzata Natalia Paragoni, dopo i pettegolezzi nati nel corso della sua permanenza al Grande Fratello Vip (specie durante il periodo natalizio).

Andrea Zelletta svela perché Natalia Paragoni ha diffidato il GF Vip

Il periodo più complicato è stato quello delle festività natalizie quando determinate persone all’interno della Casa hanno iniziato a raccontare delle bugie sputando mer** gratuitamente sul mio rapporto con Natalia. Stando chiuso dentro la Casa era per me difficile percepire come stesse vivendo Natalia questa situazione. Non tolleravo determinati atteggiamenti perché non ho mai dubitato della mia ragazza. È stata una mossa sgradevole che davvero non mi aspettavo. 

Sono riuscito a superare quel momento perché l’amore che provo per Natalia non conosce ostacoli. Non è stata colpa del programma  ma di una persona che pur di avere visibilità ha tirato in ballo me inventando gossip finti con l’intenzione di creare scompiglio. Natalia ha poi presentato una diffida nei confronti del programma per tutelare se stessa ma anche il nostro rapporto.

Zelletta, oltre a parlare di Dayane Mello e Giulia Salemi, ha espresso il suo punto di vista anche nei confronti di Maria Teresa Ruta:

Ultimamente avevo notato degli atteggiamenti che mi avevano insospettito e che mi avevano fatto pensare che lei avesse adottato una strategia per catturare l’attenzione. Ogni settimana se ne usciva con un flirt e anche Stefania e Tommaso si sono accorti che c’era qualcosa di strano. Cercava di mettere in cattiva luce gli altri concorrenti. L’ho trovata forzata in alcuni comportamenti. 

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI