Amici 9: daytime del 6 novembre. L’amarezza di Enrico: “se continua così, lascio la scuola”

06/11/2009 di Mario Diego Petruzziello

E’ la volta di Stefano Maiuolo, cantante del sole. L’allievo non ha suscitato una buona impressione sui colleghi che lo ritengono un “pallone gonfiato”. Anche Charlie Rapino, che lo segue da quando è entrato, non è del tutto convinto del suo rendimento. In particolare gli si chiede una marcia in più, dimostrando di essere un artista in grado di distinguersi, e non solo di cantar bene. Nonostante questo, Stefano convince quasi tutti, ed in particolare riesce a soddisfare l’incontentabile Loretta Martinez.

Momento di amarezza per Enrico, che manifesta forti perplessità circa l’imparzialità del trattamento nella scuola di Amici. Non è un concetto nuovo, ma sembra ripetersi ogni anno: “calcolatrice” alla mano, pare proprio che non tutti ricevano gli stessi spazi (vi ricordate delle lamentele dell’attore Angelo Marotta, nell’edizione scorsa?). Secondo Enrico, ciò apparirebbe chiaro, se si presta attenzione alla durata dei brani proposti dai due cantautori della compagnia, ovvero lui e Pierdavide. Quest’ultimo, godrebbe del privilegio di eseguire, i suoi brani inediti, dall’inizio alla fine, mentre Enrico è costretto a proporne poco più che un assaggio. Gli autori stavolta dovranno arrampicarsi sugli specchi, sorpresi dalla genuinità e dal coraggio di questo ragazzo, che, come ho già avuto modo di rimarcare , “non ha paura di esporsi”: in un mondo dove i potenti decidono cosa è giusto, ecco un difensore del vero senso di giustizia.
E adesso? Gli faranno mobbing? Lo metteranno a tacere? Certo è, che se Enrico si sente costretto ad andar via, per preservare la sua dignità di artista e di uomo, allora, sarà meglio ribattezzare questo talent show: “Parenti 9”; oppure chiosarne il titolo, chiarendo che per “amicizia”, s’intende, più che altro, un’amichevole “raccomandazione”!

Appuntamento a domani, per la consueta puntatona del Sabato.

COMMENTI