Amici 21, Luigi Strangis piange e parla della sua malattia: la scoperta del diabete a 16 anni – VIDEO

15/04/2022 di Valentina Gambino

Amici 21, Luigi Strangis parla del diabete

Nel corso del daytime di Amici 21, Luigi Strangis, il cantante del team di Rudy Zerbi, ha nuovamente parlato del diabete, malattia di cui soffre da quando aveva appena 16 anni.

Amici 21, Luigi parla della sua malattia: la scoperta del diabete a 16 anni 

Luigi ha spiegato di non voler reagire alle provocazioni di Alex (dal quale si è distaccato) proprio per non farsi coinvolgere dalle emozioni che inciderebbero negativamente sulla glicemia:

C’è un distacco con Alex, sto andando avanti. Rimarca spesso molte cose, mi manda frecciatine. Cerco di rilassarmi, non reagire.

Se io mi faccio prendere dall’adrenalina o da altre emozioni, incide sulla glicemia. Per questo io spesso devo stare relax, l’adrenalina non fa fare effetto all’insulina. Anche se sono seduto, c’è tensione.

Luigi Strangis ha raccontato a Maria De Filippi di avere scoperto di soffrire di diabete quando aveva 16 anni:

Quando avevo 16 anni mi è venuto il diabete, sono stato sei mesi senza ed è stato pesante, il medico non me lo diceva che era quello, diceva che era lo sviluppo. Da quel momento controllo il corpo, le emozioni, cerco di stare tranquillo. 

Penso che non ci sia nulla di così devastante nella vita, per lasciarmi andare penso che ci sia di peggio. Non funziona sempre. A me non pesa il diabete, devo controllarmi punto, a modo mio magari ma cerco di stare sempre rilassato. Ho l’ansia di andare dal medico, ho paura che mi dicano delle cose.

E poi ci sono dei livelli in cui so che posso stare e altri in cui non so di essere a rischio svenimento. Ma a furia di andare avanti impari a conoscere il tuo corpo. Se stai in ipoglicemia senti sulla mani qualcosa che non va… un leggero tremolio.

Ecco il VIDEO.

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI