Amici 20, ex allievo difende Elena D’Amario dopo la lite con Alessandra Celentano: “Ma chi si crede di essere!”

16/01/2021 di Valentina Gambino

Amici 20

Dopo la lite tra Alessandra Celentano e Elena D’Amario ad Amici 20, alcuni ex volti del programma hanno espresso la loro opinione in merito. E mentre Andreas Muller tende a difendere la prof di danza, Nicolai Gorodiskii la attacca poderosamente.

Amici 20, ex allievo difende Elena D’Amario: “Ma chi si crede di essere la Celentano?”

L’ex allievo della scuola di Amici, nella passata edizione era un talentuoso ballerino di danza classica ma, proprio Alessandra Celentano, nonostante lo apprezzasse aveva occhi solamente per Javier, il suo vero pupillo. E così, il ragazzo ha commentato un post di una pagina fan che riportava proprio la lite con Elena D’Amario:

Brava Elena, brava Lorella. Alessandra Celentano può darsi che tutti capiranno che quello che ha fatto è bullismo e si può denunciare pure! Deve sempre avere ragione! È un’antipatica, spero vada via! Nella danza non è arrivata da nessuna parte pure quindi chi si crede di essere!

Non è certo la prima volta che Nicolai si scaglia contro la Celentano, lo scorso aprile aveva tuonato:

Io non ballo per essere perfetto e per piacere a gente come la Celentano (infatti non è che sono irrispettoso ma proprio non me ne frega di quello che dice lei, non è come quando un insegnante ti aiuta a crescere artisticamente come tutti i insegnanti che ho avuto per fortuna, io non sarei quello che sono adesso senza tutti i miei Maestri che adoro e cui voglio bene con tutto il mio cuore e sono grato e non ho mai pagato una lira perché i miei non avevano soldi …, MA GENTE CHE TI BUTTA MER*A NON LO ACCETTO ). Il mio scopo e arrivare a più gente che non sa di danza e motivarli e capire che si può fare, la danza è vita non è un regime militare.

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI