Amici 19, Valentin: ex allievo lo attacca? “Talent solo per chi ha voglia di sognare”

17/03/2020 di Emanuela Longo

Perché Raimondo Todaro e Francesca Tocca sono in crisi: Valentin la “causa”?

Quanto accaduto lo scorso venerdì ad Amici 19 ha avuto del clamoroso. Il caso di Valentin ha concentrato l’intera attenzione che fino a questo momento ruotava attorno al serale del talent di Maria De Filippi, soprattutto dopo l’incito di quest’ultima al ballerino a lasciare la Scuola. Invito preso alla lettera dal giovane ballerino che è così uscito di scena senza tuttavia far spegnere i riflettori su di sé per via di un gossip che non accenna a placarsi e che coinvolge anche Raimondo Todaro.

Amici 19, attacco a Valentin da un ex concorrente?

Perché Raimondo Todaro e Francesca Tocca sono in crisi: Valentin la “causa”?
Perché Raimondo Todaro e Francesca Tocca sono in crisi: Valentin la “causa”?

Eppure, a non aver affatto gradito l’atteggiamento di Valentin sarebbe un ex allievo di Amici di Maria De Filippi, ovvero Umberto Gaudino, anche lui danzatore di latino americano, stessa specialità dell’ex allievo di Amici 19. In uno lungo stato Instagram, Umberto ha voluto dire la sua sul percorso che lo ha visto protagonista ed al tempo stesso ha lanciato qualche frecciatina che pare essere diretta proprio a Valentin:

Spesso mi viene chiesto quale sia stato il momento più bello del mio percorso ad Amici e sicuramente questo è uno di quelli. Sono un ragazzo di 29 anni che ad un certo punto della sua vita decide di cambiare qualcosa.

Ho dedicato la mia vita alla danza sportiva, raggiungendo con tanto sudore e tanti sacrifici i vertici mondiali e chi è di quel mondo sa. Ma qualcosa in me mancava e la voglia disperata di fare di più, di uscire dagli schemi, di mettermi in gioco e fare un qualcosa dove l’unica spalla su cui appoggiarmi fosse la mia era enorme.

Quindi un bel giorno ho scelto di rinunciare alla mia vita, all’agonismo, a quella che era la mia stabilità per colmare quell’enorme senso di vuoto che avevo dentro… e fidatevi che a 29 anni non è stato per niente facile.

Umberto ha quindi parlato del programma Amici e di quello che ha rappresentato per la sua professione di ballerino:

Questo programma mi ha dato la possibilità di fare tutto ciò, di mettermi in gioco e soprattutto crescere umanamente e professionalmente.

Un’ esperienza che ti forma e ti prepara al mondo che c’è fuori… Eh si ragazzi miei! Il mondo non è tutto rose e fiori e di certo non possiamo piacere a tutti ma quello che più mi ha insegnato è stato il dover credere, sputare sangue per dimostrare a noi stessi in primis e poi agli altri il nostro valore… e fidatevi non è da poco.

Amici mi ha donato tante cose e tra queste: confronto, condivisione, felicità e tristezza, gioia e dolore, fame, frustrazione, piacere, soddisfazione.

Tutti elementi fondamentali per la crescita umana e professionale di ogni persona e trovarli tutti li per me in un unico posto è stato il regalo più bello che potessi ricevere.

Amici è una fabbrica di sogni ma è solo per chi ha realmente la voglia di sognare e far sì che quel sogno diventi realtà.

Umiltà, rispetto e gratitudine verso un programma che ha fatto si che potessi rinascere e gridare al mondo. Ciao!!! Sono qui esisto, sono un danzatore e tutto è possibile.

Un insegnamento a Valentin e all’atteggiamento avuto nella Scuola più ambita del piccolo schermo nostrano?

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Spesso mi viene chiesto quale sia stato il momento più bello del mio percorso ad Amici e sicuramente questo è uno di quelli. Sono un ragazzo di 29 anni che ad un certo punto della sua vita decide di cambiare qualcosa. Ho dedicato la mia vita alla danza sportiva, raggiungendo con tanto sudore e tanti sacrifici i vertici mondiali e chi è di quel mondo sa. Ma qualcosa in me mancava e la voglia disperata di fare di più, di uscire dagli schemi, di mettermi in gioco e fare un qualcosa dove l’unica spalla su cui appoggiarmi fosse la mia era enorme. Quindi un bel giorno ho scelto di rinunciare alla mia vita, all’agonismo, a quella che era la mia stabilità per colmare quell’enorme senso di vuoto che avevo dentro… e fidatevi che a 29 anni non è stato per niente facile. Questo programma mi ha dato la possibilità di fare tutto ciò, di mettermi in gioco e soprattutto crescere umanamente e professionalmente. Un’ esperienza che ti forma e ti prepara al mondo che c’è fuori… Eh si ragazzi miei! Il mondo non è tutto rose e fiori e di certo non possiamo piacere a tutti ma quello che più mi ha insegnato è stato il dover credere, sputare sangue per dimostrare a noi stessi in primis e poi agli altri il nostro valore… e fidatevi non è da poco. Amici mi ha donato tante cose e tra queste: confronto, condivisione, felicità e tristezza, gioia e dolore, fame, frustrazione, piacere, soddisfazione. Tutti elementi fondamentali per la crescita umana e professionale di ogni persona e trovarli tutti li per me in un unico posto è stato il regalo più bello che potessi ricevere. Amici è una fabbrica di sogni ma è solo per chi ha realmente la voglia di sognare e far sì che quel sogno diventi realtà. Umiltà, rispetto e gratitude verso un programma che ha fatto si che potessi rinascere e gridare al mondo. Ciao!!! Sono qui esisto, sono un danzatore e tutto è possibile. @amiciufficiale 💙

Un post condiviso da Umberto Gaudino (@umbertusss) in data:

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI