Amici 10, Paolo Giordano: “Diana non meritava di uscire”. Sui duetti: “La Amoroso un mostro, Emma la vedo bene per Sanremo”

25/01/2011 di Laura Errico

Nella terza puntata di Amici di Maria De Filippi, andata in onda domenica 23 gennaio, è uscita dal talent show Diana Del Bufalo.

La cantante, anche dopo la comunicazione della sua eliminazione voluta dalla commissione esterna di canto, è riuscita a sdrammatizzare e ad essere ironica e simpatica, regalando al pubblico qualche ultima risata.

Paolo Giordano, su Il Giornale, ha commentato l’uscita dalla scuola di Diana, dicendo che non si aspettava che la terza eliminata sarebbe stata proprio la cantante della squadra blu. Prima della puntata il critico musicale era convinto che avrebbe perso la squadra bianca e che sarebbe uscito Vito oppure Antonella. Nonostante non sia più un’alunna della scuola di Canale 5, secondo Paolo Giordano Diana avrà davanti a sè molte vie lavorative che potrà percorrere alla grande.

Adesso Diana ha comunque davvero grandi possibilità davanti a sé. Sono il teatro (ossia il musical) e la tv. Un disco non è ciò che credo le serva di più in questa fase della sua carriera,

scrive e poi ribadisce:

Rimane il fatto che meritava di restare dentro!

Paolo Giordano esprime qualche commento anche sui duetti della serata.

I duetti mi sono piaciuti. In quello con Valerio Scanu (ma che capelli ha??), Antonella si è comportata benissimo… Diana ha dato a Marco Carta un valore aggiunto in una canzone, Dentro a ogni brivido, che sembra scritta più per lei che per lui. In ogni caso, bravi. E bravi anche Annalisa e Virginio, anche se sono d’accordo con Platinette e con la Maionchi: sono rimasti un passo indietro. Alessandra Amoroso è stata superiore (molto) ad Annalisa. Ed Emma è stata superiore (un po’ meno) a Virginio. Con Mengoni (un po’ sottotono), Francesca ha fatto il massimo che poteva fare, cioè poco.

Qualche osservazione infine anche su Alessandra Amoroso ed Emma Marrone.

Mi ha stupito la spaventosa crescita di entrambe le due ex concorrenti. Alessandra un mostro (in quel senso, ovvio). Emma una potenza. La vedo bene, molto bene anche al prossimo Sanremo.

COMMENTI