Aldo Busi fuori dall’Isola dei Famosi e da tutte le trasmissioni Rai

19/03/2010 di Emanuela Longo

Le parole di Aldo Busi, usate durante la diretta del mercoledì sera, nel corso di una sorta di monologo, in seguito alle quali ha poi deciso definitivamente di abbandonare il reality di RaiDue, L’Isola dei Famosi 7, non potevano certo passare inosservate.
Repentine, sono giunte così, le conseguenze, attraverso un comunicato ufficiale firmato dal Direttore della seconda rete Rai, Massimo Liofredi, sentito il direttore generale della Rai Mauro Masi, che decretava non solo l’esclusione dello scrittore dalle future puntate del reality, ma addirittura l’allontanamento da tutte le trasmissioni Rai.

Una decisione drastica, ma più che attesa, dopo le sue parole offensive nei confronti dell’opinionista della serata, Mara Venier, i concorrenti, ed addirittura il Papa ed il Presidente del Consiglio, Berlusconi. E nonostante lo scontro verbale avuto anche con la padrona di casa, Simona Ventura, la stessa ha comunque considerato eccessiva la decisione della Rai, avanzando addirittura l’accusa di censura ed invitando i piani superiori, a rivedere la decisione presa.
La conduttrice, in merito ha dichiarato:

Mi rendo conto che le parole di Aldo Busi dette ieri sera (mercoledì, ndA) durante la trasmissione possano essere parse fuori luogo e offensive per una parte del nostro pubblico e averne colpito la sensibilità. Detto questo, mi auguro vivamente che la Rai ci ripensi e che si possa arrivare ad un accordo per avere con Busi stesso un confronto in un clima più sereno. La censura non e’ certo il mezzo migliore per chiarire dubbi o sciogliere eventuali questioni.

La CODACONS e il mondo politico, tuttavia, hanno espresso pieno appoggio alla “punizione” riservata all’intellettuale ormai ex naufrago, nonostante l’associazione dei consumatori abbia comunque ritenuto fin troppo tardiva la decisione presa. Già in passato, ricordiamo, il Moige aveva espresso reiteratamente la richiesta di escludere Busi dal reality, a causa delle sue affermazioni sulla pedofilia, ed anche il mondo di facebook si era mobilitato a tal fine.

Con ogni probabilità, la polemica non si placherà affatto, in seguito alla decisione appena sancita, ma, anzi, questa sarà di sicuro lo spunto per ulteriori diatribe che vedremo nei prossimi giorni.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI