Al Chiambretti Night la Pamela Anderson che non conosciamo, stasera in seconda serata

12/11/2010 di Emanuela Longo

Nella seconda serata di Canale 5, torna, oggi, l’appuntamento con lo show di Piero Chiambretti, Chiambretti Night, con un’ospite d’eccezione che, nel corso della sua ospitata, muterà per l’occasione anche il titolo della trasmissione, trasformandolo in Baywatch Night. Stiamo parlando, chiaramente, dell’icona per eccellenza della serie tv cult, Pamela Anderson, ospite attesa del Chiambretti, che è pronta a sorprenderci con le sue dichiarazioni e con il suo atteggiamento.

No, tranquilli, i bambini a quell’ora saranno sicuramente a letto, ma la sensuale Pamela non farà nulla di così scabroso, anzi, al contrario, ciò che è stato anticipato è assolutamente l’esatto contrario: una Anderson timida e a tratti imbarazzata.

Non mancheranno, però, dichiarazioni forti destinate a fare indubbiamente notizia, come la lettera scritta da lei al Presidente degli USA, Obama, asserendo:

Credo nella liberalizzazione di tutte le droghe. Penso che la gente si drogherebbe di meno se la droga fosse legale.

Sostenitrice della lotta in difesa degli animali, la Anderson non sembra amare i confronti, come lei stessa afferma:

Non penso di essere la Marylin Monroe del nuovo secolo, Brigitte Bardot l’ho incontrata a Parigi e l’ammiro molto.

L’ex bagnina sembra essere davvero cambiata dai tempi delle patinate copertine su Playboy; ora non sembra temere i segni del tempo che passa, non ha paura della vecchiaia e lancia addirittura un messaggio in cui invita a piacersi sempre per ciò che si è. Non rimpiange nulla del suo passato, pur ammettendo:

Non amo rivedermi su ‘Playboy’, non ho tenuto nulla di quello che ho realizzato; penso alle cose shock che ho fatto e guardandomi indietro mi dico…’Santo Cielo!’. Sono felice come sono adesso… però mi sono divertita!

Imperdibile appuntamento, alla scoperta della Pamela Anderson che non conosciamo.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI