A.A.A. cercasi cortesemente traduttore partenopeo. Nino D’Angelo. A Sanremo, con un testo in dialetto stretto: una sfida non da poco. Contro la criminalità organizzata, diamoci da fare!

14/02/2010 di Valeria Panzeri

Non ha avuto dubbi il poliedrico Nino D’Angelo che ha approfittato al volo della decisione che la direzione artistica sanremese ha stabilito quest’anno: reintrodurre il dialetto.

Il dialetto, secondo il noto cantautore, è un valore che rappresenta fortemente le nostre radici; ritiene inoltre che il napoletano, nella fattispecie, sia una vera e propria lingua.

Per me è una soddisfazione non aver mai cambiato: non ho mai pensato di cantare in italiano per farmi comprendere. Vorrei che la gente capisse l’anima delle mie canzoni, perché il cuore e l’allegria di Napoli escono fuori se uno vuole farle uscire fuori. Vorrei che questo brano fosse un inno ai meridionali, un’esortazione a darci da fare, facciamo vedere chi siamo, non mostriamo cose brutte. Il problema del Sud è la disoccupazione che ha permesso che la criminalità organizzata diventasse un deplorevole ammortizzatore sociale.

Messaggio coraggioso e profondo, l’unico “limite” è che in molti non riusciremo a cogliere appieno il testo.
Jammo Jà

Jammo jà guadagnammace ’o pane
Nuie tenimmo ’o sudore int’ ’e mane
E sapimmo cagnà
Jammo jà e facimmo ampresso
Sott’a st’Italia d’’o smog e d’’o stress
Nuie simmo ’e furbe ca s’hann’ ’a fa’ fess
Simmo nate cù duie destine,
Simm’ ’a notte e simmo a matina
simme rose e simmo mspine
Ma simmo ramo d’’o stesso ciardino
Meridionale
Simmo terra chena ’e mare
Ca nisciuno pò capì
Stammo buono o stammo male
Jammo annanz’accussì
’A fatica è nu regalo
E’ a speranza è partì
Jammo jà e dammece ’a mano
Si stammo nzieme putimme i luntano
Nun se po cchiù aspettà
Jammo jà ca sta vita va ’e press
Nuie simmo ’a casa de vase e ’e carezze
Ma fa nutizia sultanto ’a munnezza
Cù sta mafia cu ’o mandulino
Ca ce hànno mise da sempe ncuolle
Simmo ’a faccia ’e ’na cartulina
Ca ce svenne pe tutt’’o munno
Meridionale
Simmo voce ’e miez’ ’o mare
Ca nisciuno vo sentì
Simmo l’evera appicciate
Ca nun se sape maie a chi
Simmo ’o specchio e n’autostrada
Ca nun vonno maie fernì
Addò ’o viento s’abbaraccia ’o mare
Troppo so’ ’e penziere
E chi cresce cù pane amaro
E’ ’n’italiano straniere
Si ’a giustizia se lava ’e mane
Song bianche ’e bandiere
E chi maie po penzà a dimane
Nasce priggiuniero…
Simmo nate cù duie destine,
Simm’ ’a notte e simmo a matina
simme rose e simmo mspine
Ma simmo ramo d’’o stesso ciardino
Meridionale
Simmo terra chena ’e mare
Ca nisciuno pò capì
Stammo buono o stammo male
Jammo annanz’accussì
’A fatica è nu regalo
E’ a speranza è partì
E guagliune d’’e viche ’e Napule
Nun sarranno maie Re
Dint’ ’o Zen ’e Palermo se bevene ’o tiempo
P’ ’a sete ’e sapè
E nun è maie facile a durmì cu ’e pecchè
A campà ci ’a pacienza è ’o cchiù grande equilibrio
Pe chi pò cadè.

COMMENTI