Sanremo 2019, quarta serata: tutti i duetti del penultimo appuntamento, ecco chi ha vinto

Ieri sera, la quarta puntata di Sanremo 2019 è stata dedicata ai duetti. I 24 big in gara hanno fatto riascoltare la loro canzone in gara riproposta in una chiave tutta nuova, accompagnati dagli amici artisti. Tra i più curiosi: Achille Lauro e Morgan, Arisa con Tony Hadley, Paola Turci e Beppe Fiorello. Il superospite è stato Luciano Ligabue, che tra gag con Claudio Bisio e il nuovo singolo, ha avuto anche modo di duettare con Claudio Baglioni, sulle note di “Dio è morto”.

Sanremo 2019, quarta serata: tutti i duetti

A rompere il giacchio nella serata dedicata ai duetti di Sanremo 2019, ci hanno pensato Federica Carta e Shade con Cristina d’Avena. Poi è il turno di Motta con Nada. Irama e Noemi sono una coppia che funziona, compresa la meravigliosa voce di lei che esalta ancor di più il brano. Patty Pravo arriva sul palco quando la canzone è già cominciata e con Briga dà vita al duetto con Giovanni Caccamo (al pianoforte). Tanto rock con i Negrita e Roy Paci. Il Volo sceglie il violista Alessandro Quarta per il duetto che diventa molto strumentale. Arisa impreziosisce la sua “Mi sento bene” con Tony Hadley e la bellissima coreografia dei Kataklò.

Mahmood sale sul palco assieme a Guè Pequeno per rendere il pezzo ancora più rap. Ghemon è salito sul palco con Diodato e Calibro 35. Con le étoile Eleonora Abbagnato e Friedemann Vogel che danzano, Francesco Renga e Bungaro regalano una romantica ballata. Ultimo sceglie Fabrizio Moro mentre Nek viene spalleggiato da Neri Marcorè. Dopo la parentesi dedicata a Ligabue e il monologo di Claudio Bisio con Anastasio, si riprende con i duetti. Boomdabash rappano con Rocco Hunt e i musici cantori di Milano. The Zen Circus scelgono Brunori Sas. Paola Turci affida le parole della sua “L’ultimo ostacolo” all’attore Beppe Fiorello.

Sanremo 2019, ecco chi ha vinto

Anna Tatangelo chiama Syria mentre Ex Otago e Jack Savoretti concludono con un abbraccio la performance. Enrico Nigiotti con Paolo Jannacci e Massimo Ottoni rende ancora più profondo il brano. Loredana Bertè sveglia la platea con Irene Grandi. Daniele Silvestri con Manuel Agnelli e Rancore conquista l’applauso più lungo della sala stampa. Einar riunisce sull’Ariston Biondo e Sergio Sylvestre. Simone Cristicchi chiama Ermal Meta. Nino D’Angelo e Livio Cori con i Sottotono e Achille Lauro con Morgan.

La giuria d’onore presieduta da Mauro Pagani e composta da Ferzan Ozpetek, Camila Raznovich e Serena Dandini, Claudia Pandolfi, Elena Sofia Ricci, Beppe Severgnini e Joe Bastianich decretano il miglior duetto della serata. Vincono Motta con Nada.

Loading...
Giornalista e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.
Articolo creato 7239

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto
Condividi