Le Iene Show, anticipazioni e servizi 8 aprile: presunti abusi, Pietro Capuana e il caso di Motta Sant’Anastasia

Nella prima serata di oggi, domenica 8 aprile, si rinnova l’appuntamento con la trasmissione di Italia 1, Le Iene Show nella versione che vede alla conduzione Nicola Savino, Nadia Toffa, Andrea Agresti, Giulio Golia e Matteo Viviani. Numerosi i servizi che torneranno a farci compagnia, prima di lasciare spazio all’appuntamento del mercoledì con Ilary Blasi e Teo Mammucari (e le voci fuori campo della Gialappa’s Band).  Eccovi a seguire le anticipazioni del nuovo appuntamento ed i servizi in onda, molti dei quali saranno destinati a fare indignare non poco i telespettatori della rete giovane di casa Mediaset.

Le Iene, anticipazioni e servizi di stasera

Nina Palmieri la scorsa settimana si era occupata di un caso molto delicato e che l’aveva fatta letteralmente sbottare, quello dello psicoterapeuta che avrebbe abusato delle sue pazienti nel corso delle sedute. Dopo la messa in onda del servizio, sono arrivate altre numerose segnalazioni di donne che avrebbero subito gli stessi tipi di abusi come quelli già narrati nel corso del programma da una delle presunte vittime. La iena, dopo aver ascoltato le nuove testimonianze, tenterà ancora una volta un confronto con il medico.

Sull’onda di quanto accaduto recentemente ad Alba, dove un medico di base avrebbe approfittato di diverse pazienti per ipnotizzarle e violentarle, Le Iene dimostrano quanto semplice possa essere mettere in atto una procedura di questo tipo. Marco Pacori, psicologo e psicoterapeuta specializzato in ipnosi, spiegherà quanto possa essere semplice eseguire una vera e propria pratica ipnotica ad insaputa della paziente nel servizio a cura di Veronica Ruggeri.

Le Iene, anticipazioni e servizi di stasera

Gaetano Pecoraro andrà invece a Motta Sant’Anastasia, paesino arroccato sulle colline siciliane, sopra Catania. Qui da quattro anni, sembra ci sia un grave problema legato alla spazzatura. Il Sindaco del paese, infatti, avrebbe emesso alcune ordinanze di emergenza per i rifiuti anche se stando alle testimonianze di alcuni abitanti del posto, il piccolo comune siciliano risulterebbe perfettamente pulito. Nonostante questo, il Sindaco rinuncerebbe a fare bandi pubblici e affiderebbe l’appalto per i rifiuti sempre alla stessa ditta. Per questa ragione, sei consiglieri di opposizione avrebbero prima fatto notare la presunta anomalia, poi, non ottenendo risposta, si sarebbero rivolti a Procura, Carabinieri, Commissione parlamentare antimafia e all’Autorità nazionale anticorruzione.

La Iena incontra il Sindaco, i consiglieri comunali di opposizione e il nipote del primo cittadino di Motta Sant’Anastasia, titolare di un’area nella quale i mezzi utilizzati per la raccolta dei rifiuti, verrebbero parcheggiati e lavati. Il tutto, parrebbe, anche in questo caso, senza bando.

Accento poi su Pietro Capuana, il santone e capo di una comunità di ispirazione cattolica di Aci Bonaccorsi, accusato di presunti abusi sessuali su minori. Lo scorso 8 febbraio l’uomo è uscito dal carcere grazie alla concessione dei domiciliari del Riesame di Catania. La iena Giulio Golia torna ad occuparsi della vicenda con nuove scioccanti testimonianze.

Infine, spazio ad un “esperimento di fantapolitica”: cosa succederebbe se la fidanzata di Gianni Alemanno, ex Primo cittadino di Roma, diventasse la portavoce di Virginia Raggi, attuale Sindaco della Capitale? Lo scopriremo nella nuova puntata di stasera de Le Iene.

Seguici e condividi!
Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.
Articolo creato 7158

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto
Condividi