Carolyn Smith, Ballando con le stelle: la lotta contro il tumore e le polemiche dei giudici

Carolyn Smith da grande guerriera, porta avanti la sua battaglia più difficile, quella contro il tumore che subdolo ancora una volta si è presentato provando a rubarle serenità e gioia di vivere. Ma come sottolinea la presidentessa della giuria di Ballando con le stelle in una lunga intervista realizzata durante la seduta di chemio al settimanale Chi: “Tumore sei un bastardo, ma ti vincerò”. Scopriamo a seguire tutte le altre dichiarazioni della celebre coreografa.

Carolyn Smith, le dichiarazioni sul cast di Ballando

Carolyn Smith esordisce parlando del cast di Ballando con le stelle: “Con Ivan Zazzaroni, Paolo Belli e Milly abbiamo un rapporto molto stretto e li sento vicini. Il resto lasciamo stare”, si legge tra le pagine del settimanale diretto da Alfonso Signorini. Poi la coreografia dice la sua anche sui giudici: “Le polemiche, le liti tra i giudici e i concorrenti… molto spesso la simpatia o l’antipatia per una coppia è venuta fuori nel giudizio e questa cosa mi frustra, perché io lo so lo sforzo che questi vip fanno per arrivare lì il sabato sera. Spesso mi verrebbe voglia di urlare contro i miei colleghi ma mi mordo la lingua”.

“Ho già abbastanza problemi miei per arrabbiarmi per le cavolate che dicono. Soprattutto ho imparato a essere sorda totalmente dal lato sinistro del bancone. Ma non posso delegittimare nessuno, ognuno di noi è lì con il suo compito. Mariotto con la sua pazzia. Selvaggia con il suo peperoncino. Canino come showman. Zazzaroni come ex concorrente. A volte il mix viene fuori bene – conclude la coreografa – altre volte vorrei strapparmi i capelli. Ma visto che non li ho persi sarebbe un peccato”.

Carolyn Smith parla del cancro

Poi ci sono le reazioni della gente al suo cancro, una delle cose più difficili da affrontare per Carolyn Smith: “Non sopporto quando mi trattano da malata o mi evitano. Ho perso molti amici e allievi da quando ho parlato del mio tumore, forse pensavano che fossi contagiosa o magari non sapevano cosa dirmi perché gli facevo tristezza. E questo fa capire quanto sia ancora un tabù. Invece è importante parlarne per dire che è una malattia da cui si può guarire, soprattutto se si scopre presto: per questo bisogna fare i controlli senza paura”.

Seguici e condividi!
Giornalista e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.
Articolo creato 6906

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto
Condividi