Amici serale 2017, anticipazioni 29 aprile: Renato Zero quinto giudice, Arisa e Loredana Bertè ospiti

Sono rimasti in otto in corsa per la vittoria. Stasera, sabato 29 aprile, in prima serata su Canale 5, prenderà il via il sesto imperdibile appuntamento con il serale di Amici 16 condotto da Maria De Filippi. Quinto giudice Renato Zero, protagonista indiscusso della musica italiana con oltre 45 milioni di dischi venduti e 50 anni di carriera. Ospiti della puntata Loredana Bertè, che emoziona cantando la sua “Dedicato” e Arisa che si esibisce con il suo successo “La Notte”. Ecco a seguire tutte le informazioni utili e le anticipazioni.

Amici serale 2017, anticipazioni 29 aprile: cambia il meccanismo

Ad Amici 16 cambia il meccanismo della gara. In un video in anteprima per Tgcom24 Maria De Filippi ha spiegato una novità della sesta puntata: resta la divisione in due manche, ma al termine della prima anziché mandare un membro della squadra perdente in ballottaggio e quindi avere una persona in meno durante la seconda manche, tutti potranno esibirsi anche durante la seconda perché, alla fine, in ballottaggio andrà l’intera squadra. 

Amici serale 2017, anticipazioni 29 aprile: Roberto Saviano ospite

A chiudere questo sesto appuntamento con il serale di Amici 2017, lo scrittore Roberto Saviano, che propone ai ragazzi in studio e al pubblico a casa due grandi temi di riflessione: l’immigrazione e la guerra. Saviano racconta, tra l’altro, la straordinaria storia di Khaled Omar, giovane siriano volontario dei caschi bianchi morto recentemente proprio durante un bombardamento. L’intervento si conclude con la testimonianza di Ileana Boneschi, reduce dall’Iraq impegnata come ostetrica negli ospedali di Medici Senza Frontiere.

Amici serale 2017, anticipazioni 29 aprile: il discorso di Saviano

“C’è una frase che spesso sentiamo ripetere quando si parla di immigrazione: “Aiutiamoli a casa loro”. È diventata una specie di scudo per chi vorrebbe impedire l’arrivo degli immigrati. Come dire: “Io non voglio che arrivino migranti nel mio Paese, ma non sono razzista eh, non dico di non aiutarli, ma di aiutarli a casa loro”. È una frase che di per sé non sarebbe negativa, in fondo stiamo parlando di dare aiuto. Il problema è che nella stragrande maggioranza dei casi rimane una frase vuota, dietro a cui non c’è nulla. E si riduce solo a un “tenetemi lontano il problema”.

Amici serale 2017, anticipazioni 29 aprile: il discorso di Saviano

“Ma aiutare significa collaborare, non allontanare; significa occuparsi del problema, non semplicemente non volerlo sotto casa. Per questo ci tengo a raccontare l’esperienza di una delle persone che operano con Medici Senza Frontiere in contesti di guerra. Le Ong come Medici Senza Frontiere sono fatte di persone convinte che la normalità sia provare a cambiare le cose, a migliorarle, sia qui sia “a casa loro”, ovunque ci sia bisogno di aiuto. E sono – e dovremmo riconoscerlo tutti – l’orgoglio del nostro Paese.

Loading...
Giornalista e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.
Articolo creato 7295

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto
Condividi