Formula 1 2013, record di ascolti nei primi due GP. Obiettivo di Sky: “Portare nuovi abbonati e più gente a seguire la diretta”

Lo scorso fine settimana, dopo i primi due GP, rispettivamente d’Australia e di Malesia, la Formula 1 si è fermata in attesa del prossimo GP della Cina, che si correrà sul circuito di Shanghai e che finalmente sarà trasmesso in diretta non solo da Sky Sport F1 ma anche dalla Rai, dopo le polemiche relative alle differite delle precedenti gare. Eppure, polemiche a parte, le prime due gare hanno registrato un vero e proprio boom di ascolti rispetto allo scorso anno con un importante incremento di telespettatori come dimostrato dai dati Auditel. Basti pensare infatti, che nel 2012 il GP d’Australia fu seguito sulla Rai (che deteneva in esclusiva tutti i diritti della F1) da 2.841.338 spettatori, contro i 4.846.000 spettatori dell’attuale stagione, nonostante la differita sulla Rai, ai quali si sono andati ad aggiungere i 606.000 abbonati Sky per un totale di 5.452.000, ovvero il 91.8% in più rispetto al precedente anno.

I risultati sono stati importanti anche in merito al secondo GP di Malesia: nel 2012, i telespettatori Rai sono stati 4.087.846, diventati quest’anno 4.467.000, ai quali si sono aggiunti i 753.186 utenti Sky. I dati di ascolto, quindi, nonostante le iniziali polemiche e i malcontenti dovuti alle differite, non hanno manifestato degli scivoloni ma anzi, alla luce dei numeri appena citati, sia Rai che Sky possono ritenersi felici dei risultati ottenuti. Di questo ne è convinto anche Carlo Vanzini, telecronista Sky impegnato nel racconto di prove, qualifiche e gare della Formula 1 2013.

“E’ molto incoraggiante il seguito sul canale dedicato alla Formula 1. E’ già uno dei canali più visti in assoluto sulla piattaforma di Sky”, ha commentato Vanzini nel corso di una recente intervista su Panorama. “Per il momento, posso dire di essere molto contento che la Formula 1 in generale abbia acquisito un maggior numero di spettatori. E sono molto contento che sia aumentata la qualità per chi segue questo sport. Credo che Sky stia dando sotto questo aspetto un servizio notevole a chi è appassionato, ma anche a chi non lo è e si avvicina per la prima volta al mondo della Formula 1”, ha ancora aggiunto.

Sky, quest’anno, ha presentato un’interessante offerta, ma in cantiere ci sono altri importanti progetti da realizzare nell’imminente futuro: “Sicuramente, porteremo delle novità, innanzitutto sotto il profilo della tecnologia. Per esempio, non abbiamo ancora un’applicazione da telefonino che adesso vanno tanto di moda e che noi dovremo fare nostra appena possibile. E poi, proveremo ad aumentare il coinvolgimento degli abbonati attraverso lo sviluppo dei social, un altro dei nostri propositi a breve. Quando si inizia, è importante fare bene l’abc. Man mano che andremo avanti, potenzieremo anche Sky-Go, offrendo un maggior numero di canali a disposizione”.

Nonostante questo, però, anche gli ascolti Rai sono aumentati ed in merito Vanzini ha commentato: “Per mia abitudine, non parlo del lavoro degli altri e di quelli che possono essere i loro obiettivi. Se guardo complessivamente i numeri della Formula 1 in Italia, posso dire che è stato raggiunto un risultato a mio modo di vedere a dir poco incredibile. Chiaramente, il nostro obiettivo è di spostare questi numeri e di portare più gente a seguire la diretta su Sky, portando nuovi abbonati”.

Loading...
Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.
Articolo creato 7331

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto
Condividi