Ilary Blasi: “Una trasmissione come Le Iene, ha bisogno di cambiare. Arriverà anche per me il momento di farmi da parte”

Come è stato confermato, alla conduzione della prossima edizione del programma “Le Iene”, non ci saranno più Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu. A prendere il loro posto saranno Luca Argentero ed Enrico Brignano insieme a Ilary Blasi. A “Vanity Fair”, Ilary racconta come ha preso questa notizia.

Luca e Paolo sono due persone alle quali voglio bene, siamo cresciuti tanto insieme, mi mancheranno. Non direi che sono calorosissimi, ma un sms di saluto di Luca lo conservo tra le cose più care.

Anche se, Ilary, non sa il motivo del cambiamento alla conduzione.

Non sono certo decisioni che prendo io. Ma una trasmissione come Le Iene, così importante e radicata nella cultura giovanile, ha bisogno di cambiare anche volti e stile per rinnovarsi. E arriverà anche per me il momento di farmi da parte.

Forse l’eliminazione di Luca e Paolo potrebbe essere dovuta alla performance dei due a Sanremo.

Se un artista fa una buona performance in trasferta e aumenta di valore, a guadagnarci credo siano la rete e l’azienda che lo hanno a disposizione tutto l’anno. E’ come un giocatore di calcio: se fa bene nella società che l’ha preso in prestito e il prezzo del suo cartellino cresce, la proprietà se ne rallegra.

Sui nuovi arrivati, invece, Ilary si sente di dare qualche consiglio.

Anche se loro due sono già professionisti affermati, credo sia sempre utile, arrivando in un posto nuovo, la volontà di conquistarsi la fiducia e la stima dei colleghi. Quindi, senza voler fare la professoressa iena, il mio consiglio è: Ragazzi, se pensate che sia più dura di quello che sembra, siete sulla buona strada.

Durante la sua vacanza a Formentera con Francesco Totti, Ilary è stata fotografata seminuda mentre era nella sua stanza d’albergo, attraverso una finestra. Questi scatti hanno fatto imbestialire Ilary.

Sono rimasta male: quella è violenza. Spogliarmi per un servizio fotografico può non essere un problema, ma è un mio diritto scegliere se, quando e per chi. E’ capitato che una spallina del vestito cedesse in diretta tv, e non biasimo certo il furbo che in quei pochi secondi riesce a beccare lo scatto fortunato e lo vende. Ma questa volta è andata diversamente. Qui c’è un appostamento, un piano per cogliere me e Francesco in un momento intimo e venderci al migliore offerente. Togliere a una donna la libertà di fare ciò che vuole del proprio corpo tra le mura del proprio spazio equivale a darle la caccia, perseguitarla.

Condividi post:
Loading...
Articolo creato 184

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto