Ambra Angiolini su Vanity Fair: “Io Francesco lo posso guardare negli occhi”

Delle foto, sbattute in prima pagina, senza ritegno, si sono trasformate da un consueto caso di paparazzata da parrucchiere a un caso quasi politico.

Stiamo parlando di Ambra Angiolini, piazzata in prima pagina, giorni fa su Chi, per un presunto bacio con Pier Giorgio Bellocchio, figlio di Marco e suo partner lavorativo ne I pugni in tasca, al teatro.

Partner per l’appunto sul lavoro, ma non nella vita, per quanto riguarda il suo privato infatti, la Angiolini lo condivide da anni con il cantante Francesco Renga e i suoi meravigliosi figli, Jolanda e Leonardo.

Alfonso Signorini ha ben pensato di “regalarle” una copertina che lascia spazio solo a una profonda indignazione, a prescindere dalla politica, a prescindere dal gossip e a prescindere dal buongusto visto che, quello si è proprio messo da parte nell’articolo, dove vengono descritte minuziosamente le telefonate che Ambra avrebbe fatto al direttore della rivista.

Mettere in piazza delle foto, e mettere in piazza anche dei momenti fortemente legati alla vita privata. Una telefonata fatta ad Alfonso Signorini infatti, in pochi attimi può trasformarsi in gossip, becero, futile gossip.

Il Fatto Quotidiano ha tirato in mezzo la politica e, se ci riflettiamo tanto torto pare non avere:

Il discorso è ineccepibile. Ma c’è un particolare: la regola vale per Ambra e non per altri. È noto, infatti, che il direttore, delle foto o dei video che gli passano fra le mani fa un uso strategico. Pubblica, acquista e non pubblica, avverte dell’esistenza delle immagini. Dipende dal soggetto. Per esempio, informa Marina Berlusconi di un video imbarazzante, realizzato con un cellulare, che riguarda Silvia Toffanin, compagna di Pier Silvio Berlusconi. Il filmato viene acquistato dalla famiglia e fatto sparire.

Prendere le distanze da Silvio Berlusconi, scendere in piazza a protestare e indignarsi ad Annozero per una giusta causa, possono comportare quindi copertine e articoli di questo tipo? Noi crediamo di sì, come crediamo che non avere scrupoli ti può fare solo guadagnare soldi in più, vendendo delle riviste, ma non ti farà mai guadagnare la stima e il rispetto che invece, da anni, Ambra Angiolini si è sempre portata a casa a testa alta.

Su Vanity Fair, in edicola domani 23 marzo, Ambra ha detto la sua:

Ti trovi sbattuta in copertina, con foto paparazzate e l’insinuazione che hai una storia con un altro. Che non è il tuo compagno e padre dei tuoi figli. Chissenefrega se questa cosa può minare equilibri già delicati. Chissenefrega se può distruggere una famiglia. Chissenefrega se “la storia”, magari, non è mai davvero esistita, o non esiste più.

Per quanto riguarda il servizio in sé, comprensivo di foto, l’attrice romana ha spiegato cosa le ha dato più fastidio, dichiarando:

Se le foto fossero state pubblicate con ironia, l’avrei sopportato. Mi disgusta l’articolo che le accompagna. Lo squallido verbale della mia presunta angoscia per lasciar intendere l’incandescenza di un contenuto che non c’era. Io ho sempre messo in primo piano l’equilibrio della mia famiglia, non ho bisogno di copertine “purché se ne parli”, se ho dei problemi cerco di gestirmeli e non credo che alla gente interessino. C’è ben altro di cui preoccuparsi.

Durante l’intervista si parla anche del su crollo psicofisico, ma Ambra, da sempre non ama mettere in piazza la sua vita e a tal proposito ha affermato:

Se non stai bene e lo dici, susciti compassione, simpatia. Ma io non voglio mettere in piazza il mio malessere per farmi dire: poverina.

Il suo compagno inoltre, di recente durante un concerto ha espresso la sua opinione proteggendo, come è giusto che sia la sua compagna, ed infatti la Angiolini, dopo aver dichiarato di non dover dare delle spiegazioni assolutamente a nessuno  se non al suo compagno che le ha già ricevute ha affermato:

Devo solo poter guardare Francesco negli occhi, e io lo posso guardare.

Sul web intanto, gli articoli si sono “sprecati”, qualcuno contro, qualcuno a favore, come se puntare il dito e giudicare fosse il migliore degli sport, perché è vero, ognuno è libero di esprimere sempre la propria opinione, ma i giudizi, in certi casi è meglio lasciarli elegantemente a casa, come la stessa Ambra insegna.

Seguici e condividi!
Giornalista e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.
Articolo creato 6910

2 commenti su “Ambra Angiolini su Vanity Fair: “Io Francesco lo posso guardare negli occhi”

  1. Non sono per nulla d’accordo con questo articolo. Ambra è un personaggio pubblico. Questo significa che guadagna tanti soldi e ha tanti privilegi ( mentre tante persone non arrivano alla fine del mese) e significa anche che sulla sua vita privata si può fare gossip. Bisogna accettare anche i lati negativi dell’essere famosi, non solo quelli positivi. E poi non va bene dire che un vip non ha diritto alla vita privata se non ci piace, mentre se ci piace si dice che “le foto sono state sbattute in prima pagina senza ritegno”

  2. L’eleganza, lo stile e l’essere Donna di Ambra Angiolini fa scivolare queste inutili chiacchiere da parte di un giornaletto che legge solo la gente repressa e insoddisfatta della propria vita per imitare i Vip. Ambra ha dalla sua parte la stima e il rispetto non solo del suo pubblico che la segue da sempre ma anche di molte altre persone che negli anni dell’evoluzione artista hanno apprezzato sempre di più.
    L’essere stata presa di mira da un giornaletto a parte, perchè ha espresso il suo pensiero fa capire come siamo messi male in Italia, e come la libertà di espressione è pilotata da una parte politica. Ambra, vai avanti con la tua splendida carriera e con i tuoi film e spettacoli teatrali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto
Condividi