Isola dei Famosi 2010, 1 maggio. Guenda dà un taglio netto… ai capelli!

È sera e i naufraghi mangiano. Luca: “Questi ultimi giorni ce li stiamo godendo”. Guenda è d’accordo: “Adoro questo momento della giornata quando il sole non c’è più”. Guenda, poi, fa una singolare domanda agli uomini: “Visto che non sono il tipo di nessuno di voi, a casa piaccio a qualcuno?”. Domenico scherza: “Su cinque milioni, qualcuno ci sarà, almeno per il calcolo delle probabilità”. Guenda poi chiede a Domenico e a Daniele: “Qual è il vostro tipo di donna?”. Domenico: “Mora, con gli occhi chiari”. Daniele, ridendo: “Bella, intelligente, ricca, simpatica … e che mi ami. Basta!”. Luca, invece, dice che lui osserva subito il taglio degli occhi in una donna.

La notte passa in fretta e all’alba Domenico e Luca sono già in piedi e chiacchierano. Domenico: “Gradisco molto la compagnia dell’ingegnere. Mi ricorda un misto tra mio zio e mio nonno”. Anche Luca è dello stesso parere: “Mi piace stare con Domenico. Non è bravo nelle cose pratiche, ma è un ragazzo di compagnia, vero e genuino”. Daniele si sveglia, va dagli altri e Domenico inizia a subissarlo di battute. Poi, gli chiede come faccia a dormire così bene la notte. Daniele simpaticamente gli dice: “E’ semplice: prendi una stuoia, ci metti un asciugamano sopra, chiudi gli occhi e ti addormenti!”. Un nuovo giorno è iniziato con il buonumore.

I finalisti sono sulla spiaggia e Domenico ha un’idea: “Perché non tagliamo i capelli a Guenda a machetate?”. Luca è d’accordo e anche Daniele: “Sai che taglio ti facciamo…”. Guenda prende bene la proposta: “Proprio stanotte ho pensato di dare un taglio netto al passato e la cosa che mi tiene più legata al passato sono proprio i capelli”. Luca, allora, propone un metodo: “Fai una treccia e te la tagliamo”. Domenico, allora, va a prendere il machete, prepara un tronco e Guenda fa la treccia. Luca: “Abbiamo preso la palla al balzo prima che ci ripensasse”. Guenda si sdraia con la testa sul tronco, Domenico la tiene per le spalle, Daniele le tiene la mano e Luca è pronto con il machete e da un taglio netto. Il taglio è avvenuto e Guenda: “Meno male che non ho lo specchio, ma i ragazzi dicono che sto bene, quindi…”. Domenico: “E’ diventata la Cameron Diaz italiana. Da domani, tutti i parrucchieri compreranno un machete”. Anche Daniele è contento del risultato: “Con i capelli corti sta meglio, sembra una donna rampante”. Guenda è d’accordo e confessa: “Mi sento più sbarazzina, più libera, più frizzante, più a mio agio con il mio corpo. E poi, è stato anche un gesto di libertà nei confronti di mia madre perché non ha mai voluto che li tagliassi”.

I ragazzi sistemano il taglio e una nuova Guenda è pronta ad affrontare le ultime ore sull’Isola. Daniele è con gli altri e pensa al momento in cui dovranno distruggere la capanna. Luca: “Mi piangerebbe il cuore e poi ci metteremmo troppo tempo”. Daniele, poi, fa una riflessione: “Questa capanna è un esempio della nostra civiltà, una specie di piccola città, manca la piazza centrale e un monumento”. Luca: “Potremmo farne uno ai partecipanti dell’Isola”. Daniele ha un’altra idea: “No, ai caduti delle nomination”. Luca, da buon ingegnere: “Facciamo un classico monumento con i sassi a piramide e una croce al centro”. Daniele è d’accordo: “Alla base, poi, mettiamo 20 targhettine, sul secondo ripiano quattro e lasciamo la punta vuota”. I naufraghi decidono di costruire l’opera nel pomeriggio e preparano il pranzo con ancora i resti della cena con Macoy e signora. Luca: “In quattro così stiamo bene. Sembriamo quattro amici in campeggio”.

Guenda e Luca decidono di andare e cercare paguri da usare come esche per la pesca. L’ingegnere: “E’ diventato naturale andare a Pagurlandia e le giornate sono talmente cadenzate che mi scorrono via come se niente fosse”. Daniele, intanto, cerca di arrampicarsi su una palma per raccogliere i cocchi: “Voler tutti i giorni andare a pescare, prendere i cocchi, instaura in te il meccanismo della sopravvivenza anche se hai poche energie. Se la mente è serena, poi, il corpo anche se stanco ti fa fare azioni importanti”. Daniele torna da Domenico e non si hanno notizie di Guenda e Luca. Domenico, allora, pensa a una loro “fine” un po’ pulp: “Secondo me sono stati mangiati dai paguri. Guenda è caduta di labbro dentro l’acqua, il sangue le è uscito e gli squali che c’erano lì hanno preso il sopravvento. L’ingegnere s’è tuffato per salvarle la vita ed è stato il primo a morire. Dopodichè i paguri li hanno finiti”. Daniele: “E le lumachine hanno mangiato i resti”. I due, fortunatamente, tornano sani e salvi. C’è un monumento da costruire. I finalisti si mettono al lavoro per costruire il monumento dedicato ai caduti dell’Isola per le nomination. Prima di tutto, Luca realizza sulla spiaggia il progetto con dei bastoncini di legno, mentre Domenico si propone come manovale. Tutti si alzano di scatto e iniziano a raccogliere il materiale e a mettere insieme l’opera. Il monumento viene tirato su in pochissimo tempo e viene inaugurato dai finalisti con la simulazione di squilli di tromba e un breve discorso di Daniele: “Lasceremo un ricordo indelebile sull’Isola lasciando questo monumento dedicato ai naufraghi caduti nelle nomination che, comunque, salutiamo essendo ancora in vita”. Dopo la “cerimonia”, i finalisti trovano sulla spiaggia una cassa inviata dalla produzione. Domenico guarda il contenuto e simula il gioco di Affari tuoi, mentre gli altri cercano di indovinare la risposta. Dentro c’è dell’aragosta e una bottiglia di champagne. I naufraghi sono felicissimi per il nuovo menù.

Condividi post:
Loading...
Articolo creato 74

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto