Lost 6: riflessioni sulla memorabile puntata ’Ab Aetherno’. Stasera appuntamento con ’The Package’

Sembrava non dover cominciare più e invece eccoci qua arrivati a metà serie. Solo altre nove puntate e il puzzle sarà completato, o almeno questo è ciò che speriamo. Gli autori non potevano regalarci un giro di boa migliore, la nona puntata infatti è stata esclusivamente dedicata alla storia di Richard Alpert, Mr Eyeliner per i suoi fans più affezionati.

Un lunghissimo flashback dedicato alla sua storia ci ha portati fino al 1800 nelle isole Canarie. Richard sta assistendo sua moglie Isabella gravemente malata e per la disperazione si reca a cavallo da un dottore. Il prezzo da pagare per le medicine è troppo alto e il diverbio tra i due sfocia in una tragedia: Richard involontariamente uccide il medico. La sofferenza più grande lo attende al suo ritorno quando trova la moglie deceduta e come se non bastasse, viene catturato per il reato commesso che gli costa la pena di morte.

La provvidenza viene in suo soccorso. La sua salvezza è la Black Rock, infatti viene venduto al Capitano Hanso come schiavo poco prima di essere giustiziato. Come tutti sappiamo la Black Rock farà naufragio sull’isola per volere di Jackob e a causa di una fortissima mareggiata distruggerà la famosa statua e si ritroverà arenata in mezzo all’isola. Con un colpo solo gli autori ci hanno svelato due misteri, ma un altro continua a ronzarci nella mente: come ha fatto il diario di bordo ad arrivare ad un’asta sulla terra ferma? E come mai interessava a Charles Widmore?

Alpert si trova subito ad interagire con Smokey/Mib e Jackob. Risparmiato dalla furia implacabile del fumo nero, Mib tenta di farselo sua pedina promettendogli di farlo congiungere con l’amata Isabella e, puntando sulla sua fede religiosa, gli fa credere che Jackob sia il diavolo.
Richard ovviamente non riesce a portare a termine il suo compito e Jackob, con sapiente dialettica, riesce a portarlo dalla sua parte facendolo diventare una sorta di ’suo’ rappresentante e donandogli vita eterna. Mib, non stupito più di tanto dall’accaduto, non ritira la sua offerta: Alpert quando vorrà potrà sempre ritornare sui suoi passi. Ed è proprio nel presente, sconvolto dalla morte di Jackob, che tenterà di cambiare la sua decisione. Proprio a questo punto diventiamo i testimoni di una scena emozionante che ci ha ricordato il film strappalacrime Ghost, quando Hurley diventa portavoce di Isabella che vuole poter nuovamente parlare con il suo amato Richard, per confidargli che se non riuscirà a fermare l’uomo in nero, finiranno tutti all’inferno.

Questa puntata epica, oltre a mostrare la storia di Ricardus, è servita anche ad illuminarci sui due ’supereroi’ dell’isola. Come già sapevamo per Mib gli uomini sono tutti corruttibili e peccatori per natura, mentre per Jackob gli uomini possono liberarsi dai loro istinti. Illuminante è la metafora descritta da Jackob: l’isola è un tappo che contiene il male e cioè Mib. Se quest’ultimo riuscisse ad andare via da quella che pare essere la sua costrizione, il male dilagherebbe?
Non c’è che dire, è stato davvero un episodio memorabile, ricco di emozioni, di storia, di colpi di scena e di piccole risposte. Credo che l’attesa dei fan sia stata davvero ripagata!

L’episodio numero dieci è intitolato The Package e riguarderà i coniugi Kwon e, come consuetudine vuole, saranno i protagonisti del presente e dei flashsideways. Inoltre, rivedremo un personaggio che da tempo aspettiamo trepidanti.

Appuntamento a questa sera con Lost!

Condividi post:
Loading...
Articolo creato 380

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto