David di Donatello 2018, anticipazioni 21 marzo: Steven Spielberg riceve il premio alla Carriera

In diretta stasera, mercoledì 21 marzo, dagli Studi “De Paolis” di Roma, la cerimonia di premiazione della 63ª edizione dei David di Donatello, una serata evento tutta dedicata al cinema, italiano e non solo, condotta da Carlo Conti. Grandi eccellenze del nostro paese e star del cinema nazionale e internazionale si avvicenderanno sul palco per premiare e omaggiare i film e i protagonisti dell’anno cinematografico 2018. Le candidature sono state annunciate il 14 febbraio 2018. Steven Spielberg riceverà il David alla Carriera.

David di Donatello 2018, la cerimonia di premiazione

Carlo Conti, intervistato da Sorrisi.com, racconta i film della sua vita: “Sceglierne solo alcuni è quasi impossibile, ce ne sono troppi. Posso dire però che in linea di massima preferisco i nostri film a quelli stranieri. Soprattutto la commedia all’italiana, che ha fatto apprezzare il nostro cinema in tutto il mondo”. Poi fa un piccolo sforzo: “Di sicuro i primi due capitoli di “Amici miei”, la sintesi della fiorentinità. Capolavori assoluti. E poi tutti quelli di Alberto Sordi: non sono solo film, raccontano la storia di un italiano. Amo anche Roberto Benigni: “La vita è bella” è meraviglioso, come pure “Johnny Stecchino” e “Il piccolo diavolo”.

Alla 62esima edizione dei Premi David di Donatello, Steven Spielberg riceverà il David alla Carriera. In accordo con il consiglio direttivo, lo annuncia Piera Detassis, presidente e direttore artistico dell’Accademia del Cinema Italiano. La consegna avverrà il 21 marzo durante la cerimonia di premiazione. Per l’occasione, il regista americano presenterà le prime immagini del suo nuovo film “Ready Player One”, che arriverà nei cinema italiani il 28 marzo.

Il premio alla carriera a Steven Spielberg

“Siamo profondamente emozionati e onorati di consegnare il David alla Carriera a Steven Spielberg – commenta Piera Detassis, presidente e direttore artistico dell’Accademia del cinema italiano – fra i pochi che hanno realmente segnato la storia del cinema, plasmandola e riscrivendola secondo nuovi canoni. Lo amiamo per quella sua straordinaria capacità, che lo rende unico, di miscelare le possibilità offerte dalla tecnologia con la suggestione della narrazione, elevati tassi di spettacolarità con situazioni dal forte impatto emotivo”.

 

Seguici e condividi!
Giornalista e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.
Articolo creato 6812

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto
Condividi