Sanremo 2018, anticipazioni: Claudio Baglioni rivoluziona il Festival: “Stop alle eliminazioni e niente serata cover”

Nel corso del Tg1 delle 20:00 di ieri, Vincenzo Mollica ha intervistato il nuovo capitano di Sanremo 2018, Claudio Baglioni, il quale ha raccontato come sarà il suo nuovo Festival che lo vedrà impegnato non solo nella conduzione ma anche nella direzione artistica. Una vera e propria rivoluzione, quella introdotta dal cantautore, riassumibile in due principali novità: basta con le eliminazioni, sia tra Big che tra i Giovani e soprattutto stop alla serata dedicata alle cover ma, “piuttosto spazio ai duetti”. Scopriamo quindi come sarà il nuovo Festival di Sanremo targato Baglioni.

Il nuovo Festival di Sanremo di Claudio Baglioni

Con Claudio Baglioni ci sarà un ritorno al Festival di Sanremo nella sua versione classica. E così il neo direttore artistico e futuro conduttore ha già messo mano al regolamento modificando alcuni punti finora salienti: niente eliminazioni e niente serata dedicata alle cover. La gara con gli esclusi era stata riscoperta da Paolo Bonolis nel 2005, mentre la serata delle cover era stata introdotta con il Festival di Antonella Clerici del 2010.

“L’eliminazione è stata eliminata. Non ci sarà, come in tutte le edizioni precedenti, quella pratica un po’ violenta del dover mandare a casa qualcuno. Chiunque degli invitati al Festival, dei proponenti, siano essi giovani o campioni, cominceranno il Festival e lo finiranno. Nessuno andrà via, nessuno dovrà fare le valigie”, ha annunciato Claudio Baglioni al Tg1, senza però rinnegare la presenza di un concorso.

Nessuna serata delle cinque in programma sarà però dedicata alle cover: “Chi lavora da tanto tempo a un progetto, a una canzone, abbia dignità e diritto di riproporre quel suo brano, questa volta con altri artisti, musicisti o altri cantanti, in forma di duetto, di trio, in forma di performance aggiuntiva magari riarrangiato in forma diversa”, ha detto il cantautore.

Quale invece il vero ruolo di Claudio Baglioni? Lo stesso ha spiegato che sarà sul palco pur non essendo il vero conduttore: “Conduttore no, conducente sì. Perché il Festival lo condurrò fino a quel punto, poi dipenderà un po’ dalla squadra. Il mio lavoro è già tantissimo, perché significa fare e decidere molti degli aspetti del Festival. Praticamente tutti, dalla scenografia, alla linea editoriale, ai contenuti, al significato generale di questo Festival, che vedrà la musica al centro, visto che hanno voluto dopo ben tre miei “no” un musicista e cantautore alla guida”. Ad affiancarlo potrebbero essere tre prime donne che al momento sembrano essere le principali candidate: Sabrina Ferilli, Miriam Leone e Ilaria D’Amico.

Seguici e condividi!

Emanuela Longo Author

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *