La notte della Taranta 2014: stasera in diretta Tv e streaming su Rai 5 a partire dalle 22.30

La notte della Taranta andrà in onda stasera, sabato 23 agosto 2014 a su Rai 5 a partire dalle 22.30. Uno dei più grandi Festival italiani, oltre che una delle più apprezzabili manifestazioni di cultura popolare in Europa. Si svolge in tutti i paesi nella Grecia Salentina che culmina con il concertone di stasera che come da tradizione si svolgerà a Melpignano. Il Festival è dedicato alla riscoperta e alla valorizzazione della musica tradizionale del Salento, oltre che alla sua fusione con altri linguaggi musicali, dal rock al jazz, fino ad arrivare alla musica sinfonica.

La notte della Taranta sarà un grande spettacolo di più di tre ore in diretta dall’ex convento degli Agostiniani di Melpignano, in provincia di Lecce, condotte da Livio Beshir, per portare nelle case di tutti gli italiani il grande concerto di chiusura del Festival, con l’Orchestra Popolare La notte della Taranta guidata come ogni anno da un Maestro concertatore. In quest’edizione sarà presente il poliedrico violoncellista Giovanni Sollima, chiamato a reinterpretare i classici della tradizione musicale locale, avendo al suo fianco un gruppo di circa trenta tra i migliori musicisti di pizzica e musica popolare del Salento.

Oltre a Giovanni Sollima e i musicisti che l’accompagneranno ci sarà spazio anche per altri ospiti musicali: da Roberto Vecchioni, Antonella Ruggiero, Glen Velez, Avi Avital, Bombino, Lori Cotler, Mannarino e i Fratelli Mancuso. Sul palcoscenico sono protagonisti anche alcuni danzatori diretti dal coreografo Angel Miguel Berna. La notte della Taranta sarà trasmessa anche in streaming sul sito www.raicinque.rai.it. L’evento si potrà seguire anche sul profilo twitter @raicinque aggiungendo l’hashtag #Taranta.

Seguici e condividi!

Valentina Gambino Author

Giornalista e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *