Sanremo 2014, Rocco Hunt: “Dedico la mia vittoria alla gente del Sud, tutti possono realizzare i propri sogni”

Rocco Hunt ha vinto la 64esima edizione del Festival di Sanremo nella categoria Nuove Proposte con la canzone Nu juorno buono. Il ragazzo salernitano, durante il corso della proclamazione non ha nascosto la commozione e le lacrime sono uscite quasi da sole. La gioia di vincere un premio molto ambito, la soddisfazione di avercela fatta e l’orgoglio negli occhi dei genitori che, spenti i riflettori sono corsi ad abbracciarlo tra le lacrime di festosa commozione.

“E’ il giorno più bello della mia vita” ha affermato Rocco tra le pagine di Sorrisi e Canzoni TV, per poi aggiungere: “questa vittoria non me l’aspettavo, la dedico alla gente del Sud che ha tanti problemi ma merita una possibilità. Questo premio deve portare una ventata di positività: io ho realizzato il mio sogno di fare musica, ma possono riuscirci tutti”. Ad 11 anni Rocco a scuola s’innamora della musica rap e della cultura hip hop, tanto che sceglie di firmare i suoi graffiti solo con “Hunt” e, successivamente ha associato il suo vero nome.

“Le lettere stavano bene insieme” ha dichiarato Rocco, per poi aggiungere: “ma non conoscevo il significato della parola in inglese. Poi, cominciando a cantare, ci ho messo davanti il mio nome. Rocco Hunt è nato così, semplicemente perché suona bene”. Nella redazione sanremese di Sorrisi il giovane rapper campano sorride felice, mentre aspetta per chiamare il fratello: “Mi hanno scritto Edoardo Bennato, Clementino, Federico Zampaglione, Enzo Avitabile e tanti altri. E Noemi ha twittato delle cose carine su di me”.

Seguici e condividi!

Valentina Gambino Author

Giornalista e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *