Game of Thrones 4: spoiler sulla quarta stagione. Arya Stark e il suo desiderio di vendetta

I veri appassionati hanno sicuramente già segnato in rosso la data sul calendario: il 6 aprile 2014 tornerà (finalmente!) Game of Thrones, serial fantasy tratto dalla penna di George R.R. Martin arrivata alla quarta stagione, la quale sarà basata sulla seconda parte del libro A storm of swords. I fan del fantasy sono in trepidazione, da molto tempo ormai aspettano di tornare a Westeros per assistere agli intrighi e alleanze tutti i personaggi che sono coinvolti nel grande gioco per conquistare il Trono di Spade.

Il prossimo evento della quarta stagione che catalizzerà l’attenzione sarà il Purple Wedding che vedrà unire casa Lannister e quella dei Tyrell, con le nozze tra Re Joffrey e Lady Margaery. Il Purple Wedding, cioè il matrimonio viola, è stato così ribattezzato dai fan per il colore del vino servito al banchetto nuziale, il quale avrà un ruolo predominante nella scena.

Ricordando il Red Wedding della scorsa stagione, il quale ha fatto piangere milioni di spettatori, cosa dobbiamo attenderci adesso? La sequenza del Red Wedding sarà senza ombra di dubbio ricordata come uno dei più grandi colpi di scena di uno show televisivo, uno di quelli che ti fanno venire voglia di spaccare lo schermo del televisore o del pc.

Il destino è già scritto, Valar Morghulis, “tutti devono morire” e così nel nono episodio della terza stagione abbiamo visto morire Robb Stark, la sua compagna in dolce attesa e Catelyn. Ed è proprio dalle conseguenze di questa strage che arrivano gli spoiler della prossima stagione.

Dal nuovo teaser diffuso, chiamato Vengeance, possiamo intuire che la piccola e forte Arya Stark ha desiderio di vendicare la sua famiglia e ha le idee molte chiare a riguardo. Arya vuole porre fine alle vite di tuti coloro che hanno sterminato la sua famiglia, in primis il malvagio e spocchioso, quanto irritante, Re Joffrey, il quale ordinò la decapitazione di suo padre, il tanto rimpianto Ned Stark.

Seguici e condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *