The Walking Dead 4: ecco chi sono i nuovi personaggi che cambieranno la narrativa dello show

Con l’episodio Inmates di The Walking Dead abbiamo scoperto cosa è accaduto al resto dei sopravvissuti dopo l’attacco alla prigione ad opera del governatore. I piccoli gruppi sono separati e in poco più di quaranta minuti siamo riusciti a seguire le vicende di Beth e Daryl, di Tyreese e le bambine, di Maggie, Sasha e Bob e di Gleen e Tara. Di tutto quello che abbiamo visto i punti forti di questo episodio di The Walking Dead, forse, sono tre.

La questione Judith, che ha molto incuriosito i fan, è risolta. La piccola figlia di Rick è sana e salva, sotto la protezione di Tyreese, il quale si trova costretto a lottare per la sopravvivenza badando alle due bambine e al bebé. Situazione che diventa più facile quando il gruppetto ritrova finalmente Carol, che è il secondo punto forte dello show, poiché in molti si chiedevano quando fosse tornata in scena.

Terza questione importante dell’episodio riguarda l’ingresso dei tre nuovi personaggi. Trattasi di Rosita, Abraham e Eugene, già conosciuti dai lettori dei fumetti, i quali, però, saranno molto diversi nella trasposizione televisiva. Fondamentale sarà Eugene, il quale è uno scienziato del Governo americano, per altro a conoscenza di come sia scoppiata l’epidemia.

Sostiene di essere al corrente dell’origine del virus e per questo vuole recarsi a Washington D.C.; Abraham lo scorta e lo protegge in questa missione, in cui è coinvolta anche Rosita in quanto compagna di Abraham. Sicuramente, i nuovi arrivati cambieranno l’economia narrativa della serie tv, per altro già modificata con la divisione dei gruppi.

Claimed è il titolo del nuovo episodio di The Walking Dead che andrà in onda negli Stati Uniti il 23 febbraio 2014. Nel nuovo appuntamento vedremo come l’attenzione si focalizzerà nuovamente su Rick, Carl e la ritrovata Michonne, ma approfondiremo anche la conoscenza dei tre nuovi personaggi che hanno incrociato la strada di Glenn e Tara.

Seguici e condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *