Festival di Sanremo 2014, i Testi: Riccardo Sinigallia con “Una rigenerazione” e “Prima di andare via”

Fabio Fazio, per la seconda volta accoglierà sul palcoscenico del teatro Ariston, a distanza di 15 anni ed in occasione della 64esima edizione del Festival di Sanremo Riccardo Sinigallia il quale, in passato si era presentato nella sezione Giovani con la canzone Strade insieme ai Tiromancino. Quest’anno, per Sinigallia sarà la sua prima volta da solista. Sulle pagine del settimanale Tv, Sorrisi e Canzoni, il cantante ha spiegato il motivo della sua presenza: “Mi sono presentato tante volte, ma forse non ero abbastanza cresciuto”, ha ammesso.

Anche Riccardo Sinigallia presenterà a Sanremo due brani, scritti entrambi con il cantautore Filippo Gatti e che saranno contenuti nell’album Per tutti, suo terzo CD da solista, rispettivamente dal titolo Prima di andare via e Una rigenerazione. A detta di Sinigallia, il primo sarà un brano molto simile a quelli del suo passato musicale come La descrizione di un attimo.

Il secondo brano, invece, viene definito una canzone che “parla della possibilità che ognuno di noi ha di rigenerare il proprio spirito, facendo le scelte più giuste e naturali”. A seguire, i testi delle due canzoni che porterà al Festival di Sanremo 2014.

UNA RIGENERAZIONE

Non siamo dei non siamo macchine
Non siamo soli adesso qui
Ma tu mi parli in una lingua che non so capire
Ed è difficile anche solo dirsi sì
Un lampo un inciampare un battito
È tutto chiaro avanti a noi
Ma poi per la paura di conoscerci
Ti dico cosa voglio
Dimmi cosa vuoi
L’avevi detto tu
Facciamo entrare il sole
Scoprendo dentro al palmo della mano un’altra immagine del nostro cuore
Un cuore giovane
Come la prima volta
Per una volta ancora
Giovane
Come la prima volta
Per una volta ancora
Lo so che noi possiamo vivere e danzare
Più dolcemente di così
Senza pensare di fermare il tempo per salvarci
O a un’altra scusa per arrenderci
L’avevi detto tu
Lasciamo entrare il sole
Seguendo dentro al palmo della mano un’altra immagine del nostro cuore
E sei ancora giovane
Come la prima volta
Per una volta ancora
Giovane
Come la prima volta
Per una volta ancora
Una rigenerazione
Una rigenerazione
Una rigenerazione
Una rigenerazione
Una rigenerazione
Una rigenerazione

 

PRIMA DI ANDARE VIA

Con l’inverno tra i piedi e le mani gelate
Con uno sciopero in testa ed in tasca l’estate
Con una riga sui sentimenti
E un motivo che scricchiola in mezzo ai denti
E con le donne che sanno l’inizio e la fine
Gli uomini attenti soltanto al confine
I vecchi che scambiano il nome dei santi
E i bambini che contano i loro elefanti
Prima di andare via
Sorridi un po’
Come per proteggermi da una tua malinconia
Con lo sguardo di chi non è cresciuto a gentilezze
Anche quando non vuoi
Sorridi un po’
Per dire tutto a posto
Ti rivedo dopo o no?
Mentre il resto
Quello che è andato perso
Ci sembra un’altra vita
Dici
Che non potremmo essere felici
Senza i numeri buoni per la lotteria
E l’uomo nero di turno che ce li porta via
Che il principale ti ha detto che le cose non vanno
E che era tutto previsto
Anche quest’anno
Ma prima di andare via
Sorridi un po’
Come per proteggermi da una tua malinconia
Con lo sguardo di chi non presta il fianco a tenerezze
Anche quando non vuoi
Sorridi un po’
Per dire tutto a posto
Ti rivedo dopo o no?
Mentre il resto
Quello che è andato perso
Ci sembra un’altra vita
Per una volta ancora
Fiore mio fiore del mondo
Per una volta ancora
Fiore mio
Prima di andare via
Sorridi un po’
Come per proteggermi da una tua malinconia
Con lo sguardo di chi non è cresciuto a gentilezze
E anche quando non vuoi
Sorridi un po’
Per dire tutto a posto
Ti rivedo dopo o no?
Mentre il resto
Quello che è andato perso
Ci sembra un’altra vita

Fonte | Tv Sorrisi e Canzoni

>>TUTTI I TESTI DI SANREMO 2014<<

Seguici e condividi!

Francesca Tordo Author

Appassionata del gossip italiano e non solo. Mi piace scrivere di fiction e anticipazioni Tv.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *