Sanremo 2014, prima puntata: assenti le mogli dei due marò in India

La conferenza stampa che ha anticipato l’avvio della prima puntata del Festival di Sanremo, in programma per questa sera, martedì 18 febbraio su RaiUno e che vedrà per il secondo anno consecutivo l’affiatata coppia formata da Fabio Fazio e Luciana Littizzetto, ha dedicato quest’oggi ampio spazio alle compagne dei due marò Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, ormai da due anni in India. Nel corso della conferenza stampa, le due donne, Vania Ardito e Paola Moschetti, hanno parlato delle grandi difficoltà dei due marò, ribadendo ancora una volta la loro innocenza.

La moglie di Salvatore Girone e la compagna di Massimiliano Latorre, inizialmente erano attese questa sera anche in sala, al Teatro Ariston, in occasione della prima di Sanremo, entrambe ospiti del primo cittadino della città ligure, Maurizio Zoccarato. A differenza però di quanto annunciato, le due donne non saranno presenti questa sera. “Ringraziamo il sindaco per l’invito ma non abbiamo la predisposizione d’animo giusta per assistere a una festa, alla festa della musica”, hanno dichiarato.

Nel corso della conferenza, presso la sala stampa a Sanremo, le due donne hanno spiegato la vita difficile che vivono non solo i loro compagni, “due uomini dello Stato Italiano”. “Dobbiamo preparare i nostri figli al fatto che i loro papà non possono ancora tornare in Italia”. “E’ un’ingiustizia quella che due militari italiani in missione in quel momento hanno subito”, ha ribadito Vania Ardito. “L’abuso che oggi subiscono, di essere trattenuti da 24 mesi riguarda loro oggi, ma riguarda tutti i soldati del mondo”, ha poi dichiarato la compagna di Latorre.

Seguici e condividi!

Emanuela Longo Author

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *