Il Segreto approda a Quelli che il calcio: Nuzzo e Di Biase sono Tristan e Pepa – VIDEO

Dopo la strepitosa parodia di Barbara d’Urso e del suo contenitore quotidiano di Canale 5, Pomeriggio Cinque, la coppia formata da Nuzzo e Di Biase, ormai volti fissi della trasmissione dedicata al calcio ed all’intrattenimento, Quelli che il calcio, condotta nel pomeriggio domenicale di RaiDue da Nicola Savino, ha portato ieri sul piccolo schermo una nuova divertente parodia. Nei panni di Pepa e Tristan, i due comici si sono così tuffati nei primi anni del ‘900, riprendendo la celebre soap opera in onda su Canale 5, Il Segreto, che proprio ieri sera ha fatto il suo ritorno nel prime time dell’ammiraglia Mediaset, prima di riaccogliere il suo vasto pubblico nel corso del pomeriggio settimanale, dal lunedì al venerdì.

Pepa e Tristan sono i due principali protagonisti de Il Segreto, che continuano ad appassionare i telespettatori di Canale 5 con il loro travolgente e tormentato amore. Dalla sigla agli scenari, i due comici hanno così riproposto, sotto forma di parodia, la celebre telenovela spagnola come è possibile vedere nei video al termine dell’articolo. Nella prima parte, Tristan confonde Pepa con Peppa Pig, prima di ironizzare sul passaparola tipico dell’arte del pettegolezzo, che ovviamente ne Il Segreto regna sovrano.

Nella seconda parte, tra Tristan e la levatrice non sembra filare tutto liscio, prima di rivolgersi a Don Anselmo, il parroco del paese, per una sconvolgente confessione. I piccoli sketch di Nuzzo e Di Biase avranno lo stesso successo a Quelli che il calcio della telenovela spagnola su Canale 5? Intanto, hanno avuto il merito di strappare qualche sorriso al pubblico di RaiDue.

Seguici e condividi!

Emanuela Longo Author

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *