Le Iene, Alessandra Amoroso da vittima a Twerkatrice – VIDEO

Dopo aver dato spazio al caso Paola Ferrari e alla bagarre in corso con il Twerkatore Stefano Corti, nella puntata di ieri de Le Iene è andata in onda un nuovo esilarante servizio sul personaggio del momento della trasmissione di Italia 1 di Davide Parenti, condotta da Ilary Blasi e Teo Mammucari e con le irriverenti voci fuori campo della Gialappa’s Band. Il Twerkatore ha colpito ancora e, tra le sue vittime a farne le spese è stato anche il celebre chef televisivo Alessandro Borghese il quale, a differenza della giornalista Rai, la quale ha denunciato la trasmissione per l’aggressione subita, ha invece collaborato attivamente con Corti tra le risate dei presenti.

A finire nelle grinfie del Twerkatore anche l’attore e regista toscano Leonardo Pieraccioni, che nella foga del momento ha esclamato: “Smettila che mi innamoro!”, per poi commentare: “Però… è anche ben dotato!”. Michele Santoro non ha invece partecipato con la medesima ironia dei precedenti personaggi, mentre Alessandra Amoroso, colta nel bel mezzo delle prove sul palco, ha proposto a Corti: “Posso essere io la twerkatrice?”.

Dopo aver dato prova della sua bravura, la Amoroso ha deciso di calarsi del tutto nei panni della twerkatrice, indossando tanto di parrucca bionda. Al termine del servizio, su Twitter non sono mancati i complimenti da parte della collega Emma Marrone, anche lei in passato vittima del Twerkatore Corti:

Tra le altre vittime della serata anche Pogba, Kakà e Baresi, il quale ha commentato: “Sembrava Gullit biondo!”. Il pericoloso Twerkatore, ha infine “aggredito” con la sua danza anche Winnie the Pooh.

CLICCA QUI per rivedere il VIDEO del Twerkatore

Seguici e condividi!

Emanuela Longo Author

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *