Che tempo che fa, puntata di domenica 22 dicembre: i Negramaro, Paola Cortellesi, Luca Argentero tra gli ospiti

Stasera andrà in onda un nuovo appuntamento con Che tempo che fa, il talk show condotto da Fabio Fazio in onda su RaiTre. La puntata verrà aperta da Armin Holzer, l’unico italiano semiprofessionista di highline, disciplina sportiva che consiste nel camminare in equilibrio su una corda tesa tra le cime delle montagne. Successivamente sarà la volta di Matteo Renzi il sindaco di Firenze dal giugno 2009, dall’8 dicembre scorso è Segretario Nazionale del Partito Democratico.

Renzi discuterà con Fazio sugli equilibri della politica italiana soprattutto dopo la sua elezione alla guida del Partito e delle prospettive del Governo Letta. Paola Cortellesi, Rocco Papaleo e Luca Argentero sono i protagonisti di Un boss in salotto, il nuovo film di Luca Miniero, nelle sale dal 1° gennaio prossimo e, insieme al conduttore discuteranno del film e anche di altro. Il sindaco di Lampedusa, Giusi Nicolini, don Gino Rigoldi, presidente di Comunità Nuova e lo scrittore Francesco Piccolo leggeranno le loro lettere per il nuovo anno.

I Negramaro renderanno omaggio a Lucio Dalla suonando, per l’occasione, due brani tra i più noti, Futura e L’anno che verrà. Come al solito, l’appuntamento cult con Luciana Littizzetto ci aspetta puntale come sempre per concludere una serata già ricca di eventi e ospiti interessanti. L’attrice, presentatrice e comica, come sempre commenterà nella sua maniera irriverente ed ironica i fatti più interessanti e curiosi avvenuti durante il corso della settimana appena trascorsa.

La buonanotte da Torino di Massimo Gramellini completerà questo nuovo appuntamento di Che tempo che fa che si concluderà alle 22.30.

Seguici e condividi!

Valentina Gambino Author

Giornalista e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

Comments

    Ravecca Massimo

    (25 dicembre 2013 - 20:24)

    Ciò che unisce i geni è la ricorsività. Il moltiplicarsi dell’immagine di un oggetto posto tra due specchi piani paralleli è una tipica situazione ricorsiva. Effetto ottico che i geni, in vari modi, ricreano nelle loro opere. Situazione propizia dal punto di vista intellettuale ma pericolosa dal punto di vista psicologico. L’artista genio e un po’ folle Lucio Dalla, (Roversi ricordava le sue “pazzie”, un po’ come il Vasari ricordava quelle di Leonardo da Vinci), rientrava in tal genere. Nel suo videoclip della canzone Ciao, inizia con un’inquadratura su una spiaggia in cui l’artista e due suoi amici suonano e cantano la canzone, ampliando l’immagine si scopre essere una battigia costruita su un bastimento che solca i mari del mondo, riprendendo i temi della canzone. Cfr. Ebook (amazon) di Ravecca Massimo. “Tre uomini un volto: Gesù, Leonardo e Michelangelo”. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *