Miss Italia 2013, stasera su La7: Rita Dalla Chiesa e Salvo Sottile in giuria; Max Gazzè, Nina Zilli e Siani ospiti

Andrà in onda stasera su La7, a partire dalle ore 20:40, l’edizione 2013 di Miss Italia, il celebre concorso di bellezza nazionale che, dopo tante polemiche finalmente ha trovato la sua collocazione televisiva e non solo, andando in onda in diretta dal Pala Arrex di Jesolo. Alla conduzione troveremo Massimiliano Ghini, con Cesare Bocci e Francesca Chillemi, ex Miss Italia 2013.

Sono 63 le ragazze finaliste, come avevamo anticipato all’interno di questo articolo le quali saranno valutate questa sera da una giuria composta da Saverio Marconi e Stefano Reali, registi, e dall’esperta di casting Gianna Tani, che avranno il compito arduo di far passare alla fase successiva 15 ragazze.

Da quel momento in poi, toccherà alla giuria di spettacolo composta da Rita Dalla Chiesa, Salvo Sottile, Caterina Murino, Massimo Lopez, Lucrezia Lante della Rovere a recuperare tra le eliminate sei Miss, che andranno ad aggiungersi alle 15 che già hanno superato la prima selezione.

Le 21 ragazze, quindi, accederanno alla seconda fase dove avrà un ruolo decisivo il televoto del pubblico da casa che, unito a quello della giuria di spettacolo, decreterà le sette ragazze che passeranno al turno successivo. Il voto del pubblico e quello della giuria porterà quindi ad un’ulteriore scrematura, arrivando a tre ragazze ed infine ad una sola che sarà incoronata Miss Italia 2013.

Non mancheranno nel corso della serata gli ospiti celebri che allieteranno il pubblico di La7: Max Gazzè e Nina Zilli per l’ambito musicale e Alessandro Siani. L’appuntamento è quindi fissato a questa sera, dalle ore 20:40 circa su La7.

Seguici e condividi!

Emanuela Longo Author

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *