Antonella Mosetti VS Selvaggia Lucarelli: quando un tweet ironico si trasforma in offese gratuite

E’ sempre colpa di Twitter, io lo dico sempre. Il famoso social network, secondo solo a Facebook (ma non è per tutti così) è popolato di personaggi famosi o presunti tali. Quelli che hanno molto successo, quelli sopravvaluti, quelli sottovalutati, i “finti” opinionisti, i falliti e gli amici di… In mezzo a tutto questo, c’è anche chi, per un tweet assolutamente ironico, monta su una polemica del tutto priva di senso, almeno secondo il mio modestissimo parere. Questo è il caso di Antonella Mosetti contro Selvaggia Lucarelli.

Un tweet che l’ex lolita di Non è la Rai avrebbe dovuto prendere con un sorriso e con tranquillità ha scatenato “l’inferno”. La famosa blogger ha semplicemente messo in mezzo il nome della Mosetti in un cinguettio che però non aveva assolutamente nulla contro di lei, ma anzi, esprimeva un altro concetto e, forse l’unica “pecca” di Selvaggia è stata quella di aver citato una persona evidentemente poco ironica. Non voglio polemizzare, ma mi piacerebbe smorzare gli animi e far notare quanto invece la Mosetti abbia preso le cose così seriamente da retwittare non solo i complimenti, ma anche gli insulti alla Lucarelli.

Roba anche volgare, che personalmente io eviterei sempre di prendere in considerazione. Selvaggia un paio di giorni fa aveva scritto: “Giornalisti stimati e navigati, pure di una certa età, che si ritwittano i complimenti come Antonella Mosetti. Ma il senso del ridicolo no?” e di contro, la Mosetti le ha prontamente risposto: “nn hai niente altro di cui parlare Lucarelli ?! Io tw le persone che mi seguono xche sono troppo carini! Forse l’umiltà tu nn la conosci affatto!!!”. Addirittura? In tutto questo, appare ovvio che Selvaggia non avesse nulla contro i retweet dell’ex fidanzata di Aldo Montano, ma era piuttosto un esempio e una chiara critica nei confronti dei giornalisti che si ridicolizzano retwittando i complimenti.

Antonella Mosetti però, non so per quale arcano motivo si è sentita presa di mira in prima persona e da quel momento i retweet al “veleno” si sono susseguiti uno dietro l’altro. Volete un esempio? A seguire una chiara immagine dei retweet e i messaggi diretti che ha scritto Antonella Mosetti dopo aver risposto alla Lucarelli. Giudicate voi…

tweet

Seguici e condividi!

Valentina Gambino Author

Giornalista e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

Comments

    santina

    (23 ottobre 2013 - 16:39)

    Definire, LOLITA,la Mosetti è squallido da parte di chi scrive e dice di non essere di parte. Per altre si cita: EX RAGAZZE DI NON E’ LA RAI, mentre per lei NO!. Forse sarebbe bene fare un ripasso sul significato delle parole. Non sono parente della Mosetti e neanche sua sostenitrice.

    Valentina Gambino

    (23 ottobre 2013 - 16:43)

    Cara Santina,

    prima di LOLITA ho scritto EX. Le è sfuggito per caso? Immagino di sì.

    Se il suo invece voleva essere un attacco personale nei miei confronti (cosa di cui sospetto fortemente), pazienza! Rispetto la sua opinione ma non la condivido.

    Le auguro una buona serata.

    Valentina Gambino

    (23 ottobre 2013 - 16:45)

    Inoltre aggiungo: è squallido scrivere “Ex lolita”, ma invece è carino retwittare frasi come “Figa di legno”? Ma per favore…

    Alberto

    (23 ottobre 2013 - 17:23)

    indubbiamente la Mosetti ha esagerato nei toni, ma la velata ironia della Lucarelli che sminuisce una persona facendo nome e cognome (in qst caso Antonella Mosetti) prendendola come esempio che i giornalisti NON dovrebbero seguire non mi sembra sia una mossa molto carina… tra le due preferisco una Mosetti che ti manda direttamente a cagare che una Lucarelli che ti dà dell’oca svampita che si ritwitta i complimenti dei fans… diciamo pure che la notorietà della Lucarelli si fonda esclusivamente sul fatto che è una blogger provocatrice, perché se non avesse voluto una simile pubblicità (nel bene o nel male purché se ne parli) avrebbe utilizzato l’espressione “come una valletta qualunque” anziché “come Antonella Mosetti” … Selvaggia ci marcia, i click aumentano i profitti 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *