Striscia la Notizia, parlano le nuove Veline: Melissa Satta e Federica Nargi, esempi da seguire

Lo scorso 14 ottobre, Striscia la Notizia, il TG satirico creato dalla mente di Antonio Ricci, oltre ad accogliere il nuovo conduttore Piero Chiambretti ha fatto spazio sul bancone per fare danzare nuovamente le Veline. I baldi giovani infatti, sono stati in TV per sole tre settimane, tempo in cui è stata presente anche Virginia Raffaele e, trascorso questo tempo sono stati sostituiti da due nuove Veline; Ludovica Frasca (la mora) e Irene Cioni (la bionda). “Antonio Ricci ci ha detto di comportarci bene e rigare dritto” confessa la mora tra le pagine di Sorrisi e Canzoni TV.

Irene però afferma che con loro si può stare davvero tranquilli in quanto: “Siamo due brave figliole!”. Le nuove Veline raccontano che per entrare dentro il cuore della gente occorre essere spontanee e assolutamente poco costruite. Alla domanda: “Qual è la prima Velina che ricordate?”, entrambe affermano che la coppia formata da Elisabetta Canalis e Maddalena Corvaglia è la prima che viene subito in mente. Ludovica, per quanto riguarda le altre Veline afferma di voler essere come Melissa Satta, mentre Irene dichiara: “Per me il massimo è Federica Nargi”.

Le ragazze confessano di essere fidanzate, ma non con calciatori: “In compenso io amo il calcetto e non me la cavo male” esclama Ludovica, mentre, a proposito di fidanzati mentre il ragazzo della mora l’ha presa subito bene, la bionda Irene ha avuto qualche problema: “All’inizio non l’ha presa bene. Poi ha assistito alla prima puntata e si è abituato all’idea”. Entrambe sognano un futuro nel mondo dello spettacolo e sembrano già comprendere certi “meccanismi”: “Cercherò di essere sempre in ordine: metti che poi arrivano i paparazzi…” confessa Irene. Idee chiarissime, non trovate?

Seguici e condividi!

Valentina Gambino Author

Giornalista e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *