Domenica Live: Corinne Clery chiama la d’Urso sul cellulare. Angelo Costabile e la dignità di un bravo ragazzo

Dopo l’anteprima, la puntata di Domenica Live andata in onda ieri pomeriggio e condotta da Barbara d’Urso si è aperta con il primo salotto dedicato a Corinne Clery e “l’ira funesta” nei confronti dell’ex fidanzato Angelo Costabile: “E’ giusto trattare così il proprio fidanzato? Che sia baby oppure no?”, ha domandato Barbarona lanciando un servizio intitolato “La Clery umilia il baby fidanzato: da che parte stai?”, che riassumeva l’isteria (tramite fotografie) della Clery nei confronti del povero Angelo che, se le avesse dato due schiaffoni, da donna, in questo caso avrebbe avuto tutto il mio rispetto (lui, non lei… specifico).

Il parterre di ospiti è tutto un programma: Antonella Boralevi, Alessandro Meluzzi, Anna Pettinelli, Morena Funari, Platinette e Ana Laura Ribas. La prima parte degli ospiti è “contro” Corinne, la seconda è “pro”, prima tra tutti la Ribas che pensa che la donna non abbia fatto nulla di male. Ah no? “Preciso che Corinne Clery è una delle mie migliori amiche, confermo che si amavano, lei non è potuta essere qui perché ha un contratto credo fino ad inizio di dicembre con la Rai che ovviamente non le permette di andare da un competitor, quindi Corinne… ci penso io a difenderti!” ha esordito la d’Urso dopo aver mandato in onda un vecchio servizio con la Clery e Costabile ospiti da lei innamorati e felici.

Se ti snerva puoi picchiarlo. Questa in sintesi la giustificazione. Meluzzi straparla come sempre, senza capo nè coda, ma è pura normalità, dovremmo stupirci qualora facesse un discorso di senso compiuto. La Pettinelli insiste, ed io le dò pienamente ragione: “Non è violenza, è maleducazione!”, in riferimento agli schiaffi ricevuti da Angelo durante l’adventure game: “Lo tratta come se fosse un deficiente!” conclude. Le immagini di Pechino Express riassumono la “follia” della Clery, sfinita nei confronti di un uomo che non ha mai fatto oggettivamente nulla: “Il tuo isterismo mi rovina la vita. Stai calmo!” la frase che diventerà famosa nella storia dei reality di tutti i tempi.

Ovviamente la d’Urso non cita né il programma né la rete, ma manda ugualmente il filmato con disinvoltura. La Pettinelli mi sta quasi diventando simpatica: “Se un uomo mi prende per i capelli è violenza, se lo faccio io non è violenza? E’ lo stesso!”.

La Boralevi afferma: “Se le donne assumono i comportamenti peggiori dei maschi, questo è un problema. La violenza non comincia dal niente e comincia quando l’altro viene trattato come un oggetto, come il nulla…”. Meluzzi innesca la polemica: “Trovo grottesco che una donna di 63 anni stia con un povero ragazzo o per problemi suoi o per farsi pubblicità nel mondo dello spettacolo. Il 90% di queste storie sono finte. La vittima di questo è il povero ragazzo, un po’ scemo secondo me…”.

In un attimo Angelo è stato apostrofato come “deficiente” e “scemo”, sarà contento immagino… no, credo proprio di no, e su Twitter l’ha fatto anche presente, ma di questo, vi scriveremo a breve. Una telecamera nascosta si reca a Paola, in Calabria, per sapere cosa ne pensa la gente. Io dico solo una cosa: tristezza. Meluzzi dopo il servizio continua: “Lui è un poveraccio, ha palesemente delle necessità…”, questo uomo continua ad “apostrofare” Angelo riempiendolo di “complimenti”, ma nessuno dice nulla. Perché?

Si parla quasi di paladina della giustizia e della Clery che sta “vendicando” tutte le donne nel corso della storia, parola di Morena Funari ed a me, viene molto, molto da ridere. Ma il pezzo forte deve ancora arrivare… eh, lo so, stentate a crederci. La d’Urso afferma che anche Angelo non poteva essere presente per lo stesso motivo di Corinne e l’esclusiva con la Rai, ma viene mandato in onda un servizio con le dichiarazioni di Angelo a DiPiù, con il titolone: “Tu mi lasci ma io ti aspetto”. Il ragazzo su Twitter ha spiegato anche questo titolo, cinguettando: “Mi dispiace vedere come una battuta fatta per ridere dopo 100 interviste venga volutamente travisata. Io al massimo aspetto il treno”.

Tornando in studio, la Boralevi che oggi continua a starmi particolarmente simpatica (devo avere qualche linea di febbre) ha poi affermato: “Lui è stato più civile e giusto rispetto a lei, in Germania e in Inghilterra ci sono ostelli per gli uomini maltrattati”.

“Io ho parlato con Corinne, e lei mi ha detto: Barbara, mi tirava fuori i nervi” ha esclamato la conduttrice in difesa di una delle sue migliori amiche. Certo, quindi un comportamento del genere da parte di una 63enne è giusto e accettabile? Ma nessuno le ha detto che un affascinante 35enne ci mette 32 secondi netti a trovare una 25enne allegra e serena senza nervi scoperti? Prima si sfiora il ridicolo, successivamente si annega dentro, come da tradizione. Tra l’altro, lei ha un nome e un cognome, lui viene semplicemente e continuamente chiamato “Toy Boy”.

Per “raggirare” l’ostacolo dell’esclusiva Rai, Corinne Clery ha chiamato la d’Urso sul telefonino, che guarda caso aveva nascosto tra il pubblico? Ed ha riferito ciò che la donna le ha detto: “Edulcoro questa cosa che mi hai detto e lo dico in maniera carina… Antonella ce l’ha con te. Dice Corinne che si stupisce che una penna intelligente come te non guardi più lungo della punta del suo naso e poi ce l’ha con quel prete di Meluzzi che non ha capito niente della vita. Ha detto un bacio lo stesso, perché lei è superiore a tutte le cose stupide che state dicendo. E’ molto arrabbiata Corinne, ma solo con loro due…”.

La Clery richiama: “Ha detto che lei non è un’ottantenne, che è una donna molto carina e che Angelo non è per niente un Toy Boy. Lei non lo vuole più ma se lui chiede scusa possono parlarne civilmente”.

Angelo avrà voglia di chiederle scusa (per cosa?) e di ritornare insieme a lei? Io sinceramente credo di no, e proprio riguardo l’argomento il ragazzo su Twitter ha spiegato meglio attraverso una serie di tweet che vi riportiamo:

Per poi aggiungere:

e infine risponde ad Alessandro Meluzzi:

#SaveAngel. Ma forse, per fortuna ha trovato da solo una scialuppa di salvataggio.

Seguici e condividi!

Valentina Gambino Author

Giornalista e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *