Melaverde, la nuova puntata su Canale 5 con Edoardo Raspelli ed Ellen Hidding: l’Università della Montagna e l’Ospizio dei cani

Anche in questa domenica, torna a partire dalle ore 12:00 l’appuntamento all’insegna della trasmissione dedicata all’agricoltura, all’ambiente ed alle tradizioni italiane, Melaverde, in onda su Canale 5 e che vede alla conduzione Edoardo Raspelli ed Ellen Hidding. Nel corso dei 15 anni di programma, abbiamo conosciuto migliaia di giovani che hanno deciso di proseguire le tradizioni di famiglia, svolgendo la stessa attività lavorativa, restando magari anche in luoghi come la montagna ed adattandola e modificandola alle proprie esigenze.

I giovani, rappresentano di fatto il futuro di molte comunità montane, motivo per il quale ad Edolo, vicino Brescia, è stata creata l’Università della Montagna. Il padrone di casa di Melaverde ci farà così conoscere questo inedito Polo Universitario unico nel nostro Paese e conosceremo anche Valentino, uno dei primi studenti laureati in Valorizzazione e Tutela dell’Ambiente e del Territorio Montano che ci presenterà la sua azienda dove avviene l’allevamento di capre da latte, produzione di formaggi tipici del posto e dove ha aperto un agriturismo dove spiega ai vari ospiti in cosa consiste la sua attività.

Elle Hidding, invece, ci condurrà sul Colle del Gran San Bernardo, il valico che mette in comunicazione la Valle d’Aosta con il Cantone svizzero del Vallese. Qui da un millennio sorge il noto Ospizio dei cani gestito dai canonici agostiniani. In passato i San Bernardo erano utilizzati per i soccorsi in caso di incidenti. Grazie ad una fondazione che si occupa della gestione e dell’addestramento, ora i cani vengono impiegati nella pet therapy.

Seguici e condividi!

Emanuela Longo Author

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all’Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *