X Factor, Simon Cowell elogia la versione italiana: ecco cosa pensa di Mika, Simona Ventura, Morgan ed Elio

Simon Cowell, padre ed ideatore del celebre talent show musicale per eccellenza, conosciuto in tutto il mondo, X Factor, ha voluto dire la sua sulla versione italiana dello show, della quale abbiamo già visto le prime due puntate dedicate alle Audizioni. “X Factor è il talent più vicino all’industria discografica. Amo l’edizione italiana, produce grandi star e Sky coglie davvero il cuore del programma”, ha dichiarato sul numero di ottobre del mensile Sky Life.

Ma come è nato X Factor? E’ lo stesso Cowell a spiegarcelo nell’ambito della sua recente intervista, dichiarando in merito: “È stato concepito per essere diverso. Volevamo realizzare qualcosa di più ‘estremo’ rispetto ad American Idol. Non mi piacciono le regole, quindi ho cercato di realizzare un programma dove tutto può succedere e al quale potevano partecipare tutti: cantanti meno giovani, cantanti giovanissimi e gruppi”.

X Factor, per il suo ideatore, rappresenta l’industria discografica: “È condotto e guidato da persone che gestiscono case discografiche. Lo scopo non è mai stato far vincere un concorrente, ma creare le basi per il successo e preparare i cantanti al mondo reale”. Poi, avanza un esempio concreto, rappresentato dai One Direction, dei quali lui stesso è stato “mentore” nel corso dello show che li ha portati al successo mondiale.

Ovviamente, anche nel nostro Paese X Factor ha contribuito a portare al successo alcuni talentuosi artisti, da Marco Mengoni a Chiara, Giusy Ferreri, Francesca Michielin, solo per citarne alcuni. “Sky coglie il cuore del programma e cerca di fare sempre meglio. Il talent è spettacolare, divertente e di grande intrattenimento”, ha inoltre commentato Cowell in merito alla nostra edizione.

Presto inoltre, a dimostrazione dell’amore provato da Cowell nei confronti dell’edizione italiana di X Factor, vedremo una sorpresa che lo stesso ha fatto ai quattro giudici, Morgan, Simona Ventura, Elio e Mika, proprio nel corso della prossima puntata dedicata ai Bootcamp, in onda giovedì.

Infine, un commento in merito proprio ai fantastici quattro che siederanno dietro il bancone dei giurati: “Sono entusiasta di avere Mika tra i giudici nell’edizione italiana. È un cantante di fama internazionale, quindi sa cosa ci vuole davvero per sfondare nell’industria musicale. I concorrenti dovranno mettercela tutta per convincerlo. Morgan è imprevedibile, a volte anche un po’ pazzo. Ma mi piacciono le persone pazze. Ama la musica e si impegna moltissimo per essere un buon mentore per i suoi concorrenti; è una cosa che apprezzo. In questi anni Simona ha fatto un lavoro fantastico nel programma. È una vera professionista e ha un fascino incredibile. Amo il suo istinto nel riconoscere il talento. Elio mi fa morire dal ridere. Lo rispetto come giudice, perché sa riconoscere un potenziale artista quando lo vede”.

Seguici e condividi!

Emanuela Longo Author

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *