Affari tuoi riparte l’8 settembre con Flavio Insinna: “Al telefono non ci sarà più il dottore, ma una dottoressa”

Domenica 8 settembre, per quanto riguarda il mondo della televisione ci sarà decisamente grande fermento. Riparte Io Canto con Gerry Scotti, in onda su Canale 5 per la quarta edizione, mentre su RaiDue (forse anche per contrastarlo), arriva la seconda edizione di Pechino Express, condotta da Costantino Della Gherardesca che, tolti i panni di concorrente ha indossato quelli di conduttore. Su RaiUno invece, subito dopo il TG delle 20, riapre i battenti Affari tuoi, condotto nuovamente da Flavio Insinna.

Ne avevamo scritto un po’ di tempo fa e, non abbiamo potuto fare a meno di notare, attraverso i commenti il malcontento di molti lettori. Nonostante questo Insinna sembra prontissimo, felice e sorridente in quanto, si festeggeranno i dieci anni del programma: “Durante i quali l’Italia è cambiata completamente” spiega il conduttore tra le pagine di Sorrisi e Canzoni TV, per poi affermare: “Spero che il Paese esca dalla crisi. Mi piacerebbe che non ci fosse bisogno di noi per realizzare i propri sogni”.

Per quanto riguarda le novità del gioco, Insinna ne svela una: “Al telefono con me non ci sarà più il “dottore” ma una “dottoressa”. Mi diverte l’idea che una donna sia nelle stanze segrete del programma”. Poi il conduttore passa in rassegna i dieci anni del programma: “Paolo Bonolis è stato la colonna, un fuoriclasse. Poi è arrivato Pupo: divertente, mentre per indole ha spostato tutto sull’azzardo. Antonella Clerici invece ha ammesso che il programma non faceva per lei e credo che abbia ragione, questo programma è più adatto ad una conduzione maschile. Davanti a Max Giusti invece, tanto di cappello: ha presentato per cinque anni in un periodo difficile, anche in azienda”.

Seguici e condividi!

Valentina Gambino Author

Giornalista e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *