Quarto Grado, dal 6 settembre su Rete 4 con Gianluigi Nuzzi e Sabrina Scampini: tutte le novità

Mentre Salvo Sottile si prepara in vista dell’esordio ufficiale su La7 in occasione della sua nuova trasmissione Linea Gialla, Gianluigi Nuzzi, nuovo volto della trasmissione di Rete 4, Quarto Grado, è pronto alla sua nuova avventura, in partenza nella prima serata di venerdì 6 settembre. Al centro della nuova stagione, come sempre la cronaca nera, quella relativa a fatti che appassionano ma allo stesso tempo dividono e fanno discutere l’opinione pubblica. Nuzzi, ha di recente rilasciato un’interessante intervista al settimanale Vero Tv, nell’ambito della quale ha sottolineato tutte le novità dell’edizione che lo vedrà protagonista.

Innanzitutto, i cambiamenti non si vedranno sin dal principio. E’ lo stesso padrone di casa a renderlo noto: “Nelle prime puntate, io e la mia squadra di lavoro non modificheremo nulla: il programma ha già un suo percorso narrativo, un modo specifico di trattare gli argomenti e un pubblico consolidato – ha spiegato – Solo in un secondo momento arriveranno delle novità, alcuni aggiornamenti del format, rafforzando la parte investigativa e d’inchiesta”.

Ovviamente, anche la nuova stagione di Quarto Grado vedrà il ritorno della giornalista Sabrina Scampini, così come degli esperti, pronti a commentare, in ogni puntata, i casi che saranno affrontati. Pur riconoscendo l’eccellente lavoro svolto finora da Sottile, Nuzzi ha lo sguardo verso il futuro: “La forza Quarto Grado si esprimerà da subito con moduli diversi, nuovi ospiti, nuove storie, evidenziando i chiaroscuri di ogni storia che verrà passata al setaccio”, anticipa il neo padrone di casa.

I motivi per i quali ha accettato questa sua nuova sfida televisiva sono molteplici: “Innanzitutto rappresenta l’ultima soglia del giudizio: anche se non abbiamo la presunzione di dare sentenze, intendiamo fornire tutti gli elementi sui casi che affrontiamo. E questi elementi dovranno essere chiari e precisi, per consentire ai telespettatori di porsi domande e sciogliere dubbi”, ha spiegato il conduttore e giornalista. “Ma ho accettato anche perché rappresenta una sfida emozionante, che mi consentirà di entrare nelle case degli italiani ogni settimana”, ha poi concluso.

Seguici e condividi!

Emanuela Longo Author

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all’Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

Comments

    patrizio

    (27 settembre 2013 - 23:41)

    penso che la signora cimò sia stata uccisa dal marito e data in pasto ad i suoi cani, ecco a cosa servivano i mastelloni che il marito ha portato a casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *