Enrico Paoli VS Costantino Della Gherardesca: “Da concorrente a conduttore? Chiedo i danni alla Rai!”

Il 9 settembre come ben sapete partirà ufficialmente la seconda edizione di Pechino Express, sempre sulla seconda rete di casa Rai, ma con un cambio di conduttore, rivelato già molto tempo prima. Costantino Della Gherardesca infatti, da concorrente (ha partecipato l’anno scorso insieme al nipote Barù, ex fiamma di Victoria Cabello) passa a presentatore, al posto di Emanuele Filiberto, che, secondo il mio modesto parere si era comportato davvero dignitosamente. Su Costantino invece, ho delle remore, lo sapete tutti, ma aspetto con ansia che il programma inizi per potermi ricredere (oppure no).

Stranamente ho delle remore pur essendo di sinistra, ebbene sì, non è soltanto il popolo di destra che punta il dito contro questo uomo. Come potete ben vedere, in ogni campo esistono le eccezioni. Di recente infatti, il futuro presentatore (ancora di fatto, non lo è) ha preso male una battuta twittata da un giornalista di Libero, Enrico Paoli, che in merito alla prossima conduzione ha cinguettato: “Costantino Della Gherardesca in <<Pechino Express>>. Da concorrente, ora si ritrova presentatore”! Altro che canone, chiedo i danni alla Rai!”.

Non so voi, ma io la leggo come una battuta. Evidentemente Della Gherardesca no, tanto che ha risposto su Facebook: “Incominciano i divertimenti! Un giornalista diciamo di destra, tale Enrico Paoli di Libero (@enricopaoli1) ha detto che vuole chiedere i danni alla Rai perché condurrò Pechino Express”. Il giornalista di Libero, è stato ricoperto di insulti, molti dei quali assolutamente fuori luogo e ingiusti. Non mi sento la paladina di nessuno (non vesto nemmeno alla marinara), ma credo che per una semplice battuta essere messi alla gogna sia eccessivo.

Seguici e condividi!

Valentina Gambino Author

Giornalista e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *