X Factor 7, cantiere di Milano sotto sequestro: sicurezza ai minimi termini

Mentre l’attesa in vista della nuova stagione del talent show musicale di Sky, X Factor, cresce sempre di più, giungono alcune sconcertanti notizie in merito alla location che dovrebbe accogliere la settima edizione del programma. Il cantiere del teatro-tenda di X Factor, in via Deruta, ai margini del Parco Lambro dove dovrebbe nascere la tensostruttura che ospiterà la nuova stagione, infatti, è stato posto sotto sequestro dai tecnici dell’Asl di Milano. Tante le irregolarità registrate e che riguardano in particolare l’impianto elettrico. Registrata anche una diffida con sospensione dell’uso dei mezzi di sollevamento e contravvenzioni varie.

Il tutto è accaduto lo scorso lunedì pomeriggio quando una squadra di cinque tecnici Asl del Servizio prevenzione e sicurezza degli ambienti di lavoro, insieme ad alcuni agenti della polizia locale si sono presentati nell’area di cantiere in via Deruta a Milano. Il normale controllo su impianti, mezzi e personale delle imprese al lavoro, durato sei ore, ha però evidenziato tutta una serie di anomalie oltre che rischi elevati per gli stessi lavoratori.

Ciò è bastato a portare la Procura e l’Asl a mettere sotto sequestro preventivo parte del cantiere (quello relativo all’impianto elettrico) e alcuni accessori elettrici deteriorati e pericolosi. Come riporta Il Corriere, oltre all’intervento della squadra di A2a che ha portato all’interruzione del contatore, sono emersi verbali che evidenziano impianti elettrici pericolosi (privi di messa a terra e di certificazioni di conformità, con cavi scoperti e non protetti), attrezzature di lavoro non sicure, documentazione di cantiere incompleta, oltre a “diffuse carenze in tema di sicurezza sul lavoro”.

I tecnici hanno definito tutto ciò un a situazione che “non si vedeva da anni, primitiva”. A lasciare interdetti è soprattutto lo stato dell’impianto elettrico in merito al quale è stato segnalato un “grave e immediato pericolo di elettrocuzione (folgorazione, ndr)”. Infrazioni gravi anche in merito ai mezzi usati per il lavoro, spesso mal funzionanti ed aggiustati in modo poco sicuro per gli stessi lavoratori.

Alla fine dei vari controlli, ai responsabili delle due società trovate all’opera, stando a quanto riferito dall’Asl “sono state contestate ipotesi di reato con riferimento alla presenza di apparecchi di sollevamento in cattivo stato di manutenzione e non più idonei ai fini della sicurezza, attrezzature di lavoro prive di alcuni dispositivi di sicurezza o con dispositivi manomessi, la mancata redazione da parte di una ditta esecutrice dell’obbligatorio documento di valutazione dei rischi ed infine la mancata verifica dell’idoneità tecnico professionale delle ditte esecutrici da parte del committente delle opere”.

Intanto, la società Deruta 20 che ha commissionato il tendone, ha minimizzato l’accaduto parlando semplicemente di “controlli di routine”, aggiungendo: “I lavori non si sono mai fermati e continuano. I tecnici Asl hanno chiuso un vecchio gabbiotto inutilizzato dove c’era l’impianto elettrico impiegato dal precedente affittuario dell’area e che non era legato invece alle attività di cantiere”.

Quale sarà quindi il futuro della prossima edizione di X Factor? Ma soprattutto, dove?

Seguici e condividi!

Emanuela Longo Author

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all’Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *