Il Segreto, anticipazioni puntata dell’11 luglio: Soledad lascia Juan; Pepa incanta Tristan

Anche questo pomeriggio andrà in onda un nuovo appuntamento all’insegna della soap opera di Canale 5, Il Segreto, che ci terrà compagnia a partire dalle ore 14:45 circa all’insegna dei misteri, delle passioni, delle emozioni e dei sotterfugi che caratterizzano i vari personaggi. Ieri abbiamo visto come Juan, con decisione, ha cercato di vedere Soledad, per poi essere fermato però dai suoi fratelli; ormai tutti sanno quali potrebbero essere le tristi conseguenze del loro avvicinamento. Melquíades e Raimundo, sono in vena di confidenze: mentre il secondo confessa di essere stato un alcolizzato, incubo dal quale è fortunatamente uscito, il primo ammette invece di essere perseguitato come anarchico.

Inoltre, gli strani movimenti dei Castañeda hanno destato l’attenzione della famiglia di operai che ha così avvertito Tristan, mentre il parroco del paese, Don Anselmo, ha deciso di smascherare una volta per tutte Pepa. Ma cosa accadrà, quindi, nella nuova puntata di oggi, giovedì 11 luglio? Mentre sono nella taverna, si scatenerà una lite tra Melquíades e Don Anselmo; grazie all’intervento di Raimundo, sarà evitata la denuncia da parte del parroco. Finalmente, Melquíades confesserà poi all’amico il vero motivo della sua visita: ormai è molto vicino alla morte a causa di una grave malattia. In seguito a questa notizia, Raimundo berrà nuovamente.

Angustias, nel giorno della festa, deciderà di regalare un vestito a Pepa per farlo sfigurare, ma non sarà questo l’effetto che avrà invece su Tristan, il quale la vedrà bellissima e deciderà di farle un regalo speciale facendo così rinascere nuovamente nella ragazza le speranze. Intanto, Soledad con una lettera metterà fine alla sua relazione con Juan, mentre al termine degli scavi sarà finalmente ritrovato il vecchio anello del padre di Tristan.

Seguici e condividi!

Francesca Tordo Author

Appassionata del gossip italiano e non solo. Mi piace scrivere di fiction e anticipazioni Tv.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *