SOS Tata a rischio cancellazione? Per ora cambia giorno: in onda stasera la nuova puntata

Inizialmente si era parlato di una cancellazione dal palinsesto della rete La7 del docu-reality SOS Tata, la trasmissione che vede protagonisti tre educatori (la novità della nuova stagione del programma, partita lo scorso 8 maggio, è rappresentata proprio dal primo tato, Martino Campagnoli) alle prese con famiglie in difficoltà nella gestione dei propri figli, spesso capricciosi e “problematici”. Tuttavia, alla cancellazione definitiva, ipotizzata a causa dei bassi ascolti, si è preferito lo spostamento della trasmissione in palinsesto, con la messa in onda delle nuove puntate fissata per questa sera, a partire come sempre dalle ore 21:10 circa.

Stasera dunque, nel corso del nuovo appuntamento anticipato, conosceremo tre nuove famiglie negli altrettanti rispettivi episodi. Si partirà dalla Famiglia Carta, che vede in Andrea, il “principe di casa”, l’elemento più capriccioso. Sarà l’intervento di Tata Adriana a placare gli animi e dare una mano ai genitori del piccolo Andrea che finora è riuscito a dettare legge a tutti avendola sempre vinta. Si passerà poi al secondo episodio con protagonista la Famiglia Virgili, formata da Alessandro e Serena, i due genitori che a causa del loro lavoro (nel medesimo supermercato), hanno dei problemi nella gestione dei figli; in questo caso sarà indispensabile l’intervento di Tata Lucia.

Chiuderà la serata dedicata ad SOS Tata il terzo episodio con protagonista la Famiglia Atanasio, dalla Sicilia, formata da papà Placido, mamma Antonella e dai due figli, Angelo e Giuseppe, rispettivamente di 8 e 6 anni. In questo caso, a dare una mano ai due genitori in difficoltà sarà nuovamente Tata Adriana. L’appuntamento con la nuova puntata della (per ora salva) trasmissione nell’ambito dell’ottava stagione di SOS Tata, è fissato per le ore 21:10 circa su La7.

Seguici e condividi!

Francesca Tordo Author

Appassionata del gossip italiano e non solo. Mi piace scrivere di fiction e anticipazioni Tv.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *