Tg5 Punto Notte, da oggi in seconda serata il nuovo approfondimento di Canale 5

A partire dalla seconda serata odierna, su Canale 5 prenderà il via la nuova trasmissione di approfondimento giornalistico Tg5 Punto Notte, in onda dal lunedì al giovedì dalle ore 23:30. La trasmissione farà poi da traino allo Speciale Tg5, in onda sempre in seconda serata sulla rete ammiraglia di casa Mediaset al venerdì. Tg5 Punto Notte è un approfondimento curato da Clemente Mimun, Claudio Fico e Andrea Pucci, e vedrà alla conduzione Gioacchino Bonsignore affiancato da Susanna Galeazzi e Francesca Pozzi.

Nel corso di ogni puntata, sarà effettuato un approfondimento sulla notizia della giornata arricchita da reportage e vedrà in studio la presenza di ospiti e commentatori che parteciperanno al dibattito; ogni giorno, inoltre, sarà realizzato un collegamento con la redazione di un giornale. Questa sera, si inizierà con Ferruccio De Bortoli, direttore de Il Corriere della Sera. Con il nuovo approfondimento giornalistico dell’ammiraglia Mediaset, l’informazione del Tg5 coprirà l’intera giornata.

Mimum ha voluto commentare l’avvento di Tg5 Punto Notte spiegando: “Ci collocheremo nell’affollato palinsesto dell’informazione televisiva di seconda e terza serata che comprende appuntamenti consolidati, con l’obiettivo di realizzare un prodotto di qualità, che pian piano faccia breccia nei telespettatori, fornendo loro tutti gli elementi per farsi una opinione sulle notizie di maggior rilievo, quelle che fanno più discutere”. Ha poi aggiunto: “Il nuovo appuntamento farà sì che l’informazione del Tg5 copra praticamente l’intera giornata: dall’alba a notte fonda. Inizia con prima pagina dalle 6 alle 8, poi coi tg5 delle 8- 10-13-18-20 e notte, cui si aggiunge, la domenica, l’arca di Noè”.

Seguici e condividi!

Comments

    Maria Rosaria

    (21 maggio 2013 - 00:06)

    Buona sera una domanda ma con la liberarizzazioni io lavoro in un centro commerciale e da un anno e mezzo lavoro tutte le domeniche l’azienda dice che nn abbiamo diritto fare domeniche di riposo. Ma perché i nostri politici quando fanno le leggi le fanno solo per metà , ma si rendono conto dei problemi che ci stanno creando alle nostre famiglie nn c’è. Più vita privata , sociale io nn faccio più niente con mia figlia e mio marito, ma vi sembra giusto? Perché di questo nessuno ne parla? Vi prego fatelo grazie

    Nicola Patella

    (22 maggio 2013 - 00:03)

    Buonasera, sto seguendo la vostra trasmissione e Vi ringrazio perché vedo che almeno voi state facendo qualcosa per noi,bisogna inervenire contro le banche e vi spigo il motivo,preciso che sono un impreditor di Altamura (bari),preciso che la mia non grande ma di modeste dimensioni che va bene e quest’anno e’ in controtendenza e presentera’ un bilancio in attivo, attività di commercio di auto prevalentemente di grossa cilindrata , mi sono recato in banca chiedendo un mutuo chirografario che mi e’ stato negato ma mi e’ stato proposto in fido di conto corrente di importo notevole 400.000,00 ma che avrei dovuto rimborsarlo i 4mesi,mi spiegate Voi il perché , credo che i nostri politici concussi con le leggi che hanno fatto tutelano e fanno solo gli interessi delle banche ,mi fermo perché avrei tanto e di diverse banche da raccontare , ripeto la mia e’ una attività che produce reddito ,fa fatturati abbastanza alti per il periodo che stiamo attraversando e che per colpa delle banche e dello stato ,a breve mandero’ a casa circa 5 dipendenti. Fate qualcosa per tutti gli italiani vi prego e fatelo subito.

    de bonis monica

    (20 giugno 2013 - 00:05)

    buona sera lavoro in un centro commerciale a roma che chiude solo 4giorni l anno ed è aperto tutyi i giorni dalle 10alle 22 comprese le domeniche e i festivi e vi posso assicurare che anche facendo i turni nn si ha più vita e tempo per la famiglia …
    visto che questo è il futuro perchè nn lasciare aperti anche tutti i gli uffici pubblici anche il sabato e la domenica ??? farebbero comodo come i negozzi no???

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *